Da Varese a SHANGHAI: il racconto impressionante del nuovo LOCKDOWN

Sembra di essere in Squid Game

Credits Greta Bianchi Fb - Edifici in lockdown a Shanghai

In seguito alla scoperta di nuovi casi legati alla variante Omicron, dal 28 marzo 2022 la megalopoli cinese di Shanghai ha introdotto un lockdown senza precedenti. Ecco il racconto di Greta Bianchi che dal 2014 vive e lavora lì. Tratto da VareseNews.

Da Varese a SHANGHAI: il racconto impressionante del nuovo LOCKDOWN

# “Se per due anni la propaganda ha elogiato la strategia zero casi come un successo non è possibile ora ammettere che bisogna cambiare strada

Credits varesenews – Greta Bianchi

Dopo la prima ondata del 2020 in Cina si era creato un certo equilibrio e con l’adozione della politica “Zero Covid” siamo stati tutti abbastanza tranquilli. Fino ad ora. Io ho personalmente sempre sostenuto la strategia degli zero casi. […] Ora il virus è cambiato ma ciò non porta ad un cambiamento nella strategia seguita dal governo e la motivazione è prettamente culturale a mio avviso: la faccia. Se per due anni la propaganda ha elogiato la strategia zero casi come un successo non è possibile ora ammettere che bisogna cambiare strada perché ciò potrebbe creare dubbi anche su altre politiche intraprese dal governo facendo così mancare il “sostegno” della popolazione al buon XiJay”.


# Il cambio di strategia dall’arrivo di Omicrom a dicembre 2021

Credits Greta Bianchi Fb – Edifici in lockdown a Shanghai

All’inizio è stato abbastanza facile continuare ad isolare le persone positive ed i loro contatti. Ma il numero è continuato a crescere, e qui siamo davvero in tanti. […] a febbraio gli alberghi adibiti alla quarantena di chi faceva ritorno dall’estero erano completamente pieni in tutta la città. Si è quindi iniziata una chiusura “strategica” delle zone a rischio della città: trovo un positivo, isolo il suo building per 48h, faccio test a tutti e se non trovo altri casi libero tutti. Probabilmente avrete visto video di gente chiusa in ristoranti e centri commerciali per lo stesso motivo. Omicron però è […] molto più contagiosa (nonostante sia molto meno letale, ma ciò al governo interessa ben poco) perciò il virus ha continuato a girare. Le 48 ore sono diventate 2+12 (due giorni chiusi con due test e poi liberi ma con test di controllo fino al 14esimo giorno) se non direttamente 14 (14 giorni di isolamento con test)”.

# “Girando in strada sembrava di essere in Squid Game”

Credits Greta Bianchi FB – Shanghai in lockdown

Le zone della città che venivano chiuse nella prima settimana di marzo continuavano ad aumentare, girando in strada sembrava di essere in Squid Game. Il 13 marzo, domenica con 28 gradi, giornata stupenda, esco per brunch e sto fuori fino a sera, tornando a casa trovo l’apocalisse nel mio compound, stanno sigillando tutto e non vogliono farmi entrare, poco importa, in casa ho gli animali e il PC del lavoro, ti pare che mi fermi? Mi dicono che se entro però devo stare dentro 14 giorni, speravo 2+12 ma vabbè entro e mi metto il cuore in pace. Il test si farà il lunedì (ma ovviamente si dimenticano di chiamarmi per farlo) e poi tutti i giorni alle 14 un DaBai (gli omini con le tute bianche) mi chiede se sono libera per fare il test. Mi avete chiuso in casa diciamo che non ho molte alternative a disposizione“.

# L’organizzazione per la spesa alimentare

Dovendo stare in casa due settimane faccio la spesa e già lì vedo le prime cose che non quadrano, pochissimi supermercati fanno servizio di delivery nel mio compound, perché zona a rischio con casi positivi, e quindi faccio un altro tipo di spesa da un magazzino, che ha però consegna 6 giorni dopo (di solito consegnava in mezza giornata), e mi batto ancora la pacca sulla spalla ogni giorno per averne fatta così tanta. Venerdì 18 scendo all’entrata per prendere una boccata d’aria dato che non si poteva neanche andare in giardino a passeggiare, e con mia grande sorpresa (dopo soli 5 giorni su 14 previsti) trovo i nastri della polizia strappati, mi avventuro più avanti in giardino e vedo gente correre come se stesse correndo per la vita verso le scale mobili dove abbiamo l’uscita. Mezz’ora dopo sono fuori con i miei amici a festeggiare. Sembra che questa chiusura “a macchia” possa funzionare. E invece no. Il 24 marzo, 8 del mattino […] esco per andare al lavoro quando una vicina viene verso di me urlando come una pazza: “Chiuso!”. Ho così scoperto che dalla sera prima il mio compound era in lockdown, di nuovo“.



# Il 27 marzo alla 21,30 viene annunciato a sorpresa il lockdown di Shanghai

Credits Greta Bianchi FB – Buste con il cibo distribuite ai cittadini di Shanghai

«Cerco di organizzarmi, avevo appena ricevuto la grande spesa di cui parlavo e per fortuna perché a questo punto nessun supermercato faceva consegne da me. […] Continuano a chiudere ed aprire persone con criteri che ancora stiamo cercando di capire. Le persone alla guida della municipalità di Shanghai sembrano sotto effetto di droghe, non si capisce più nulla. I positivi aumentano e iniziano a vedersi le prime immagini degli hangar dell’Expo 2010 usati come “quarantine centers”, robe da brividi. Arrivano gli ufficiali di Pechino a prendere il comando della situazione e il 24 marzo dicono “Tranquilli siamo qui per sistemare le cose, di certo non mettiamo la città in lockdown”. Cosa da tutti temuta perché Shanghai non è Cina, Shanghai è intoccabile e non si può mettere in lockdown, sarebbe un dramma a livello economico e politico. Il 27 marzo alla 21,30 viene annunciato a sorpresa il lockdown. […] la gente in città (giustamente) è impazzita per fare scorte. […] Il 31 marzo il governo distribuisce una borsa con generi alimentari a gran parte della popolazione. Il 1 aprile il lockdown di Pudong non finisce e nel frattempo comincia ufficialmente quello di Puxi. Il 5 aprile faccio una scena da pazza alla presidentessa del comitato di quartiere dicendo che se muoio perché non ho cibo ci pensano loro a dirlo al mio Consolato e ai miei genitori. Parolina magica, in un’ora mi raccatta un cartone di uova, patate e carote, pranzo quotidiano ormai».

# “Il lockdown in Italia era una passeggiata a confronto

Giusto per chiarire il lockdown in Italia era una passeggiata a confronto. Qui non si esce dalla porta di casa, non si va a fare la spesa, non si porta a spasso il cane, non si va a fare jogging né tantomeno al lavoro con l’autocertificazione. Shanghai è bloccata. Completamente. Quelli che si lamentavano della “dittatura sanitaria” sono invitati a fare un giro a Shanghai al momento“.

# “Emotivamente si è preoccupati di essere letteralmente prelevati dalle proprie case e trascinati in questi famosi centri di quarantena

Shanghai, 26 milioni di persone, il 9 aprile contava 24.000 casi asintomatici e mille con sintomi, morti zero. Numeri ridicoli penserete voi. Cosa c’è di tanto tragico allora? A livello mentale intanto il non sapere quando questa cosa finirà. Ci si aspettava un minimo che il Governo mollasse, che Shanghai avrebbe fatto cambiare idea sulla politica degli zero casi, che invece viene perseguita in modo sempre più convinto come fosse una battaglia che bisogna vincere, a tutti i costi, tutti. Emotivamente si è preoccupati […] che risultando positivi si viene letteralmente prelevati dalle proprie case e trascinati in questi famosi centri di quarantena, con migliaia di persone positive, condizioni igieniche scarsissime e senza una garanzia di quanto ci si dovrà stare. Il fatto che se hai un animale domestico e risulti positivo il Governo “prende la responsabilità” del tuo animale, cioè lo ammazza, perché ancora pensano che gli animali trasmettano il virus. Il fatto che se hai un figlio e risulta positivo, questo viene mandato a fare la quarantena in ospedali specializzati da solo, indipendentemente dall’età, anche neonati».

# “Grazie a numerose polemiche sui social cinesi e al passaparola c’è stata una forte denuncia di questa situazione

Fortunatamente in questi giorni grazie a numerose polemiche sui social cinesi e al passaparola c’è stata una forte denuncia di questa situazione e sono stati istituiti dei rifugi per gli animali, mentre un genitore potrà fare la quarantena con i figli assumendosi tutte le responsabilità del caso, tra cui la possibilità di risultare positivo. Purtroppo ancora non è stata invece cambiata la politica per quanto riguarda la quarantena degli asintomatici […]. Non ci sono medici né infermieri perché sono tutti impegnati a testare a ripetizione 26 milioni di persone. Si ha paura perché non si può uscire di casa neanche se si sta male, in parole povere se ti viene un infarto crepi in casa e forse ti trovano a fine lockdown. Gli ospedali sono inaccessibili, niente chemio, niente dialisi, niente medicine, esiste solo il Covid. Questo è il prezzo che si sta pagando».

# “A livello pratico cibo e acqua stanno diventando un problema

A livello pratico cibo e acqua stanno diventando un problema. I supermercati sono chiusi e i servizi di consegna sono stati sospesi. Pochissimi driver hanno la licenza per poter consegnare in questi giorni e gran parte del personale dei pochi supermercati disponibili è in lockdown, ci sono tir carichi di prodotti che stanno marcendo fuori Shanghai perché non hanno l’autorizzazione ad entrare in città. […] Si stanno organizzando acquisti di gruppo e tramite i propri compound e un po’ bisogna accontentarsi perché chiaramente si pensa ai bisogni primari e si prende quello che c’è, ma credetemi anche per quello c’è da starci dietro giornate intere perdendo la ragione. […] Poi il tutto dipende ovviamente dalla zona della città in cui si vive, dal management del proprio compound, ecc.
Per questo in alcuni compound, chiusi da circa un mese la gente sta iniziando a rivoltarsi all’organizzazione e ai DaBai, non c’è accesso ad acqua potabile, e bisogna aspettare che il governo consegni qualcosa da mangiare ma senza sapere né se né quando arriverà. La situazione è surreale e personalmente credo che stiamo vivendo uno dei momenti più bassi che Shanghai abbia mai visto“.

# “Shanghai, una delle città più grandi e ricche al mondo. Siamo pieni di soldi eppure siamo tornati al baratto

Il 10 aprile 2022, lockdown a Shanghai, una delle città più grandi e ricche al mondo. Siamo pieni di soldi eppure siamo tornati al baratto, a scambiare il detersivo dei piatti per i noodles o una bottiglia d’acqua per le cipolle. Fa rabbia ed è frustrante sapere che il cibo è lì, c’è, ma non puoi averlo neanche pagando tutti i soldi del mondo per via di una convinzione deleteria. Torniamo ad apprezzare le piccole cose di questi tempi […]. La mia azienda è anche riuscita a comprarmi un chilo di carote quindi oggi festa grande. Sperando finisca presto e si ritorni alla normalità, ma quella vera“.

Fonte: VareseNews

Continua la lettura con: SCIENZIATI (e tutti i paesi del mondo): Green Pass da ELIMINARE SUBITO. Avremo anche noi un FREEDOM DAY?

FABIO MARCOMIN

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/

 


Articolo precedenteRitrovare la JOIE de VIVRE con CHAGALL in mostra a Milano
Articolo successivoIl “PICCOLO CANADA” a due passi da Milano
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.

1 COMMENTO

  1. La situazione a Shanghai è sicuramente terribile e si spera che il governo cinese la pianti presto con queste assurdità che fanno molto più male che non bene; ma anche il lockdown italiano era inaccettabile, illegale e comunque inutile.

Comments are closed.