PREZZI CASE a Milano: la METÀ di Londra. Ma il PROBLEMA sono i SALARI

Negli ultimi 30 anni il livello delle retribuzioni medie annue dei lavoratori italiani ha segnato una contrazione record, unico caso in Europa

Credits Luca Gualtieri-Forum Ambrosetti - Classifica prime 15 città europee per prezzo al mq in centro

I valori al metro quadro degli immobili a Milano è il più alto in Italia e tra i più alti in Europa. Eppure nonostante il caro prezzo, la distanza con le città più care d’Europa rimane abissale. In particolare da Ginevra, Zurigo e Londra. Ma se Milano non è così cara in un confronto europeo, qual è il problema che rende la vita in città insostenibile per molti? 

PREZZI CASE a Milano: la METÀ di Londra. Ma il PROBLEMA sono i SALARI

# La media dei prezzi al mq di un immobile nel centro di Milano è di 8.000 euro, a Londra si superano i 16.000

Luca Gualtieri-Forum Ambrosetti – Classifica prime 15 città europee per prezzo al mq in centro

Milano è una città cara, è risaputo, non è solo un luogo comune. È la più cara d’Italia e tra i primi posti al mondo. Una delle ultime classifiche la mette al 13esimo posto subito dietro Bangkok e Dubai e prima di Sidney e Barcellona. In Europa ha davanti solo Monaco, Zurigo, Parigi e Londra.


Anche a livello di prezzi al mq degli immobili in centro città si piazza tra le prime posizioni nel Vecchio Continente. Uno studio di “The European House – Ambrosetti” ha stilato una graduatoria delle prime 15 metropoli europee: Milano è in coda con una media di 8.000 mq per un’abitazione in zona centrale, a poca distanza da Amburgo, Vienna, Stoccarda e Oslo. Parigi e Monaco superano i 12.000 euro, Londra è in testa con 16.211 euro, oltre il doppio del capoluogo lombardo. Perché allora vivere a Milano è diventato molto più insostenibile a livello economico che altrove? La causa principale è la contrazione record delle retribuzioni medie in Italia, un trend diametralmente opposto a quello dei valori immobiliari che invece hanno continuato a crescere.

# I salari italiani sono calati in 30 anni, unico caso in Europa

Milano Finanza – Andamento salari Ue 1990-2020

Come mostra Milano Finanza, in base ai dati calcolati dall’Ocse, negli ultimi 30 anni quasi tutti i Paesi europei hanno registrato un aumento delle retribuzioni annuali medie o al massimo una leggera flessione. In Estonia, Lettonia e Lituania il salario medio annuale è più che triplicato negli ultimi 25 anni, in Ungheria, Slovacchia è raddoppiato. In Grecia è cresciuto del 30,5% dal 1990 al 2020, in Spagna del 6,2%. 

L’unica Nazione ad avere segnato una contrazione del 2,9% è stata l’Italia. Un dato che non tiene conto degli effetti della pandemia e della crisi geopolitica in corso e che quindi andrebbe rivisto ulteriormente al ribasso.



Continua la lettura con: SMART WORKING. A Milano 9 AZIENDE su 10 lo fanno ancora, oltre il 60% lo vuole rendere STRUTTURALE

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/