Le 7 CITTÀ più FUTURISTICHE che verranno costruite nel MONDO

Scopriamo le città più all'avanguardia che potrebbero nascere nei prossimi anni

Credits dezeen-Nemo - The Line

I cambiamenti climatici, la necessità di proteggere gli ecosistemi naturali e l’avanzamento della tecnologia sta portando a immaginare e progettare nuove città sempre più all’avanguardia. Scopriamo quelle più futuristiche che potrebbero nascere nei prossimi anni.

Le 7 CITTÀ più FUTURISTICHE che verranno costruite nel MONDO

#1 BiodiverCity, tre isole artificiali collegate all’isola di Penang in  Malesia

Penang Property Talk – Biodivercity

Lo studio BIG sta progettando BiodiverCity, una città composta da tre isole artificiali costruite al largo dell’isola di Penang in Malesia per un’estensione di 1.821 ettari. Ognuna potrà ospitare da 15.000 a 18.000 residenti, avrà la forma di una ninfea e sarà collegata da una rete di trasporto autonoma senza auto. Per la costruzione degli edifici sarà utilizzata una combinazione di bambù, legno e cemento prodotti da materiali riciclati, con un cuscinetto ecologico attorno a ciascun distretto per sostenere la biodiversità.


Leggi anche: Le più belle ISOLE artificiali IN COSTRUZIONE nel mondo

#2 Maldives Floating City, la prima città galleggiante al mondo 

maldivesfloatingcity.com – Maldivesfloatingcity-

Entro il 2024 dovrebbe nascere la prima città galleggiante al mondo: Maldives Floating City. Il progetto elaborato dallo studio di architettura Waterstudio è mirato a trovare una soluzione all’aumento del livello del mare dovuto al cambiamento climatico che renderanno inabitabile entro il 2050 la gran parte delle Maldive. Sono previste 5.000 case galleggianti di pochi piani e sarà costruita su una serie di strutture esagonali adatte ad ospitare circa 20.000 persone.  

Leggi anche: La prima CITTÀ GALLEGGIANTE del mondo



#3 Innovation Park, la città intelligente alimentata dalla tecnologia blockchain (Nevada – USA)

dezeen-Ehrlich Yanai Rhee Chaney Architects e Tom Wiscombe Architecture – Innovation Park

Il magnate della criptovaluta Jeffrey Berns, con l’aiuto degli studi di architettura Ehrlich Yanai Rhee Chaney Architects e Tom Wiscombe Architecture, intende dare vita una città intelligente alimentata dalla tecnologia blockchain. Il nome scelto per il progetto è Innovation Park e dovrebbe essere realizzato su un lotto di terreno nel deserto del Nevada di 27.113 ettari. Nella mente dell’imprenditore questa città sarà una comunità in cui le persone possono archiviare, votare e immagazzinare dati senza il coinvolgimento di governi o terze parti.

Leggi anche: Il primo BITCOIN STATE del mondo

#4 Telosa, la città più ecosostenibile al mondo (Stati Uniti d’America)

engelvoelkers_taormina IG – Telosa

La città di Telosa è nata dall’idea dell’imprenditore miliardario Marc Lore e sviluppata dall’architetto danese Bjarke Ingels e il suo studio BIG. Sarà costruita da zero su un sito ancora sconosciuto nel deserto degli Stati Uniti e dovrebbe ospitare cinque milioni di abitanti. L’obiettivo è che diventi “la città più sostenibile del mondo”. Secondo Lore la terra sarà di proprietà della comunità, in modo che gli aumenti di valore possano finanziare lo sviluppo della città avendo come priorità il benessere dei residenti.

Leggi anche: La città del FUTURO si chiama Telosa e sarà “il meglio delle città attuali”

#5 Smart Forest City avrà 7,5 milioni di piante e alberi (Messico)

stefanoboeriarchitetti.net – Smart Forest City

In Messico, vicino a Cancun, potrebbe nascere una “città-foresta”: Smart Forest City. Il progetto è sviluppato dall’architetto milanese Stefano e prevede di costruire una città smart e ricoperta di verde, 7,5 milioni di piante e alberi su 557 ettari di estensione, che potrà accogliere 130.000 persone. Le abitazioni saranno ricoperte di piante e saranno disponibili a prezzi accessibili per sperimentare un modo più sostenibile di vivere in città. 

#6 Amaravati, una nuova capitale dominata da vegetazione e verde (India)

dezeen-fosters and partner – Amaravati

Lo studio di architettura Foster + Partners sta progettando la nuova capitale per lo stato dell’Andhra Pradesh in India. La città di Amaravati sarà realizzata sulle rive del fiume Krishna e sarà organizzata attorno a un edificio governativo con la sommità di un ago. Il quadrante centrale sarà occupato da vegetazione o acqua per oltre il 60% della sua superficie. 

#7 The Line, la città rettilineo lunga 170 km senza auto (Arabia Saudita)

Credits dezeen-Nemo – The Line

Nelle ultime settimane il governo dell’Arabia Saudita ha rilasciato le ultimi immagini di The Line, una città lineare lunga 170 chilometri e alta 500 metri parte del mega-sviluppo di Neom, pensata come alternativa al tradizionale layout urbano circolare. L’investimento previsto è di 500 miliardi di dollari e non sono previste auto e strade, ma un sistema di trasporto pubblico ad alta velocità che collegherà le due estremità in 20 minuti. La larghezza sarà di soli 200 metri e al suo interno dovrebbe abitarci una popolazione di nove milioni di persone. 

Leggi anche: THE LINE, la CITTÀ RETTILINEO lunga 170 km da 500 MILIARDI di dollari senza auto e strade

Fonte: Dezeen

Continua la lettura con: La CITTÀ dei MORTI nel cuore di Milano

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


Articolo precedente5 HOTEL LOW COST di Milano
Articolo successivo10 LOCALI APERTI ad agosto a Milano dove andare se non si è in vacanza
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here