La TORRE VELASCA si rifà il TRUCCO

Per qualcuno una bella notizia. Per molti altri, speranzosi nella sua demolizione, decisamente meno

Credits: Andrea Cherchi - Torre Velasca

Per qualcuno una bella notizia. Per molti altri, speranzosi nella sua demolizione, decisamente meno.

La TORRE VELASCA si rifà il TRUCCO

# Considerata da Sgarbi “Il paradigma della civiltà dell’orrore” e dal Daily Telegraph “uno dei più brutti edifici d’Europa”

La Torre Velasca sorta nel delirio urbanistico speculativo del dopo guerra dove tutto era permesso e tutto si poteva e si doveva demolire, si rifà finalmente la facciata. Per la sua costruzione e per quella degli anonimi edifici che la contornano, fu cancellato quanto rimaneva del Bottonuto, l’antichissima contrada medioevale. Una volumetria enorme spropositata, invasiva che non sarebbe mai stata permessa in nessun centro storico di nessuna città europea. Il critico d’arte Vittorio Sgarbi l’ha definita “Il paradigma della civiltà dell’orrore”, mentre il Daily Telegraph “uno dei più brutti edifici d’Europa”.


Il fatto è che a Milano abbiamo cancellato, contrade, cascine, costruzioni di valore storico culturale enorme, abbiamo coperto il sistema di canali navigabili più antico d’ Europa. Questa città da sempre annulla il suo passato, o per praticità o per necessità o per devastazioni dovute a cause esterne. Purtroppo però, dall’unità d’Italia in poi, questo fenomeno è diventato sempre più inarrestabile.

Leggi anche: La storia del BOTTONUTO, il quartiere malfamato nel centro di Milano

# Lo studio B.B.P.R. “di Pyongyang”, che ha progettato la Torre Velasca, non può essere mai messo in discussione

Centro storico di Varsavia distrutto durante la seconda guerra mondiale e ricostruito nel dettaglio

Certo la Torre Velasca per molti ha un forte valore emotivo, rappresenta il simbolo della rinascita post bellica, a qualcuno ricorda la propria giovinezza, se ne guarderebbero bene dal portarci un turista, ma davanti alla sua vista riesce ancora ad emozionarsi. È stata progettata dal fantomatico studio B.B.P.R. “di Pyongyang”, guai a criticarlo e a sostenere che le sue opere siano esteticamente discutibili, tanto più se non si è architetti o quanto meno geometri: essere cittadini non basta, il pensiero dominante non lo permette. Bisogna accettarla, amarla o subirla in silenzio poiché chi non la comprende è semplicemente ignorante. Ma che ne sanno a Praga dove persino il simpatico “ palazzo ubriaco” di dimensioni decisamente ridotte e posto in una zona periferica semicentrale ha destato scandalo. Cosa ne capiscono a Varsavia dove hanno ricostruito completamente il centro storico distrutto durante la guerra in ogni dettaglio, grazie alle bellissime vedute di un pittore italiano.



# Un’architettura degna della Corea de Nord o della Bucarest di Ceasescu

Palazzo brutalista Bucarest

Poco importa se una simile architettura evochi la Corea del Nord dei vari Kim o la Bucarest di Ceasescu, urbanisti dal gusto discutibile, cosa importa se la “Torre del Filarete capovolta”, una similitudine a dir poco azzardata continuo a non coglierla pure girando la testa in varie posizioni) faccia somigliare il centro storico di Milano a quello di Pripyat prima che prendesse fuoco il reattore. La Torre Velasca è un “bellissimo esempio di architettura brutalista” qualcosa che a Lione, Copenaghen, Vienna non troveremmo mai, ma che anche ci fosse non ci sogneremmo mai di andare a vedere.

Credits: Andrea Cherchi – Torre Velasca

Non ci resta che sperare nella dinamite purificatrice, speranza purtroppo flebile, o perlomeno che il restauro la renda meno brutalista o che la faccia somigliare ancora di più ad un palazzo di Gotham City, sperando un giorno di vederci volare Batman…

Continua la lettura con: La FAKE VELASCA: è il palazzo più BRUTTO di Milano?

ANDREA URBANO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteLe foto di Milano di NOTTE (quasi) DESERTA
Articolo successivoRUSSIA e CINA costruiranno una STAZIONE LUNARE
Andrea Urbano
Nato a milano, ma milanese per scelta (per metà salentino). Sono appassionato a tutto quello che riguarda Milano: storia, cultura, dialetto e patrimonio artistico, progetti urbanistici, futuri socio econonomici, oltre a cinema, sport e viaggi. Lavoro nell'ufficio export di una multinazionale. Sono un grande tifoso del Milan. Alla ricerca di una modella. Quartiere: BOVISA