La nuova BIBLIOTECA IULM: avanguardia artistica o archihorror?

Un progetto per dare nuovi spazi agli studenti

Credits: blog.urbanfile.org Rendering nuove biblioteca Iulm

L’università IULM ha deciso di commissionare una nuova biblioteca. Un edificio moderno, dall’architettura particolare, che, probabilmente considerando la zona in cui sarà realizzato, farà parte del grande progetto di riqualifica The Sign. Quando le università in Italia sono ancora considerate un luogo esclusivo e non un laboratorio sociale, il direttore dell’ateneo ha deciso di agire sugli spazi. Nascerà così la nuova biblioteca IULM, ecco rendering e progetto che già divide i cittadini. Immagine copertina: blog.urbanfile.org

La nuova BIBLIOTECA IULM: avanguardia artistica o archihorror?

# Sarà in una zona sempre meno periferica e farà parte del progetto The Sign

Credits: Iulm – iulm_university IG

La Iulm (Istituto Universitario di comunicazione e Lingue di Milano) ha sede vicino alla stazione Romolo, nella Barona. Il nuovo edificio sarà realizzato nell’area verso via Italo Svevo e via Schievano, tra l’edificio D del complesso di The Sign e il canale del Lambro Meridionale. È proprio la zona in cui sorgerà che lascia credere sia un ulteriore progetto per la riqualificazione e rivitalizzazione della periferia nel più grande progetto di The Sign. Il rettore Gianni Canova ha infatti precisato “Quella zona, grazie anche al nuovo, gigantesco spazio allestito da Superstudio, è in fermento, è sempre meno periferia e sempre più luogo di condivisione”, è in questo modo che la Iulm vuole agire negli spazi e rendere meno esclusivo il mondo universitario italiano, o almeno quello milanese.


# L’architettura contemporanea per dare nuovi spazi agli studenti

Credits: blog.urbanfile.org
Rendering nuova biblioteca Iulm

I lavori saranno guidati dallo studio di architettura Citterio Viel e dovrebbero finire entro il 2023. Non si sa molto di questo progetto e si aspettano ulteriori notizie dall’ateneo o dallo studio incaricato. In qualsiasi caso la nuova biblioteca dovrebbe essere un edificio sospeso su un grande anfiteatro. Qui saranno poi ricavate aule, laboratori e una terrazza per incontri culturali, ma in generale sarà un edificio per gli studenti, così da potergli dare una maggiore offerta.

Quello che molti si chiedono guardando i rendering del progetto è: la nuova biblioteca sarà più un edificio all’avanguardia o un archihorror? Considerando la riqualificazione in chiave moderna dell’intera zona con The Sign, sembrerebbe che il nuovo edificio si inserirà perfettamente nel contesto. Sarà da vedere se tutto questo trasformerà l’area in una avanguardia futuristica oppure in un luogo senz’anima. 

 



Fonti: blog.urbanfile.org

Continua la lettura con: THE SIGN: il nuovo polo sui NAVIGLI che rivoluziona lo SKYLINE di Milano

BEATRICE BARAZZETTI

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Leggi anche: Elezioni Milano, Librandi fa la corte a Lupi: “Vieni con Sala a fare il vicesindaco”

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.