CityLife allo sprint finale: la PASSERELLA SOSPESA dello “SDRAIATO”

Dopo il via libera della giunta sono partiti i lavori nell'ultimo lotto da edificare in City Life. Sveliamo l'ultimo grattacielo

Credits: lamilano.it - Citywave

Con l’adozione della quarta variante al Programma Integrato di Intervento relativo al “Quartiere Storico Fiera Milano ed aree adiacenti” la giunta del Comune di Milano ha dato il via libera all’ultimo lotto da edificare in City Life. Oltre al quarto grattacielo vediamo come verranno impiegate le risorse aggiuntive generate dal progetto.

CityLife allo sprint finale: la PASSERELLA SOSPESA dello “SDRAIATO”

# L’adozione in giunta della quarta variante al Piano consente il completamento della riqualificazione dell’area dell’ex-fiera

Citylife – Andrea Cherchi

L’adozione lo scorso aprile da parte della giunta milanese della quarta Variante al Programma Integrato di Intervento relativo al “Quartiere Storico Fiera Milano ed aree adiacenti” ha autorizzato la partenza dei lavori negli ultimi lotti del quartiere City Life, un tempo occupato dalla fiera campionaria, per chiudere gli ultimi buchi rimasti.


Aveva commentato così a riguardo l’ex-assessore all’urbanistica Pierfrancesco Maran: “Con questo provvedimento diamo il via libera all’assetto finale di City Life, uno dei progetti che ha cambiato lo skyline della città negli ultimi anni portando benefici estesi su tutto il quartiere e creando un nuovo luogo di socialità con la realizzazione del parco. La realizzazione degli ultimi lotti porterà ulteriori risorse da destinare a interventi pubblici”. 

# Partiti i lavori per lo “sdraiato”, il quarto grattacielo di Citylife, con il porticato sospeso di 140 metri 

Il provvedimento ha dato il via libera di fatto alla costruzione del quarto grattacielo di City Life, già soprannominato “lo sdraiato” e composto da due edifici di altezze diverse collegati da un lungo porticato sospeso di 140 metri, che andrà ad occupare le aree oggi utilizzate dai campi di paddle e da moduli di cantiere.

Sotto il portico, della nuova quinta del quartiere “CityWave” progettata dallo studio di architettura BIG, ci saranno spazi di lavoro, negozi, ristoranti, due corti private ed un rooftop bar con piscina. I cantieri sono partiti a maggio, con le opere di scavo, e dovrebbero terminare entro la fine del 2025.



# I numeri di “Citywave”: fino a 110 metri d’altezza, un hotel da 10 piani e il parco fotovoltaico più grande di Milano con 11.000 pannelli

L’edificio più basso, circa 50 metri d’altezza, comprenderà un hotel di 10 piani e più di 120 camere, il più alto adibito ad uffici arriverà a 110 metri di altezza nell’estremità strutturale. Il rivestimento in pannelli fotovoltaici della struttura costituirà il parco fotovoltaico più grande di Milano ed uno dei più grandi parchi fotovoltaici urbani in Italia, con una superficie di circa 11.000 mq di pannelli, in grado di fornire una produzione di energia stimata in 1.200 MWh l’anno. Oltre a questo il quarto grattacielo di Citylife è stato progettato per un consumo inferiore di energia del 45% rispetto allo standard, grazie ad esempio  all’uso termico delle acque di falda, con un risparmio di 520 tonnellate l’anno di CO2, pari alle emissioni assorbite da 20.000 alberi.

Con la nuova configurazione vengono ridistribuiti i 51.000 mq di volumetrie delle tre unità di Concentrazione Fondiaria non ancora edificate su viale Duilio, viale Boezio, viale Cassiodoro e viale Berengario, concentrandoli interamente sul lato di viale Boezio-Cassiodoro. In questo modo verrà garantita anche una miglior continuità delle aree verdi e degli spazi pubblici pedonali.

Leggi anche: 3 PROGETTI ICONICI nel FUTURO di Citylife

# Le risorse aggiuntive finanzieranno altri interventi di rigenerazione nel Municipio 8

Credits: Andrea Cherchi – Palazzo delle Scintille

La riqualificazione dell’area dell’ex-fiera con le “Tre Torri”, le residenze e il parco, ha già permesso di destinare risorse, già investite, per intervenire su alcuni luoghi e edifici pubblici: piazza VI Febbraio, il Palazzo delle Scintille, il risanamento di due edifici scolastici e la realizzazione di nuovi orti oltre al “progetto di fattibilità per la copertura del velodromo Vigorelli”. Risorse aggiuntive sono state accordate con quest’ultima variante al piano, la cui conclusione è stata posticipata al 17 ottobre 2026, per estendere al quartiere il progetto di Parco Artline con le opere d’arte a cielo aperto, la ristrutturazione degli edifici di edilizia pubblica del Municipio 8, la ricostruzione degli impianti sportivi di di via Washington e di via Iseo e alla sistemazione del Parco Monte Stella.

 

Continua la lettura con: 2021-2023: i NUOVI GRATTACIELI in arrivo a Milano (Immagini)

FABIO MARCOMIN

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 


Articolo precedenteCome si dice TERRAPIATTISTA in milanese?
Articolo successivoLa PASSERELLA ELETTRONICA dalla Metro a Linate
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.