La prima comunità straniera di Milano

Vengono definiti tutti “casa e chiesa”, discreti, affidabili, onesti, lavoratori e molto molto cattolici. Sono 30.615 costituendo la prima comunità straniera di Milano. In nessun’altra città italiana sono così tanti e usano le parrocchie come punto di ritrovo.

La loro chiesa preferita è Santa Maria del Carmine a Brera, ma si trovano anche in via San Tommaso o a San Lorenzo. In estate affollano il Montestella con barbecue collettivi. Hanno feste religiose molto sentite, come a metà dicembre il “Tim man gavig”, a Natale quando celebrano la “messa del gallo” e a fine maggio festeggiano le “Flores de maio”, ovvero le ragazze in fiore, che fanno il loro debutto in società.

Fonte: La Repubblica