50 sfumature di NERO: le opere del periodo fascista a Milano – MAPPA

Ogni volta che ci riferiamo al periodo storico del Fascismo pensiamo a qualcosa di negativo. Niente di sbagliato, ma si sa che tra il Nero e il Bianco esistono tante sfumature, almeno cinquanta se giochiamo con i modi di dire e un celebre best seller editoriale.

E così, dopo le 50 sfumature di Grigio a Milano, ecco le 50 cose che di Nero vestite sono state prodotte dall’età Fascista e dal fervore nazionalistico, a Milano.  

In questo che non vuole essere solo un esempio ma una MAPPA di nuovi percorsi per andare alla scoperta di un altro lato di Milano, prenderemo in considerazione le opere d’arte e architettura esplicitamente fasciste, quelle futuriste o dell’epoca anni Trenta-Quaranta, che sono state anche utilizzate nel periodo più fiorente del Comunismo (fazioni opposte, stessa arte).

E lo faremo partendo da uno dei simboli della Milano dei Fasci e delle nuove partenze.

CLICCA SULLA MAPPA

50 sfumature di nero milano milano citta stato#1. Stazione Centrale. Innumerevoli sono gli animali e personaggi storici, affreschi, e sculture all’interno della stazione, intesa e voluta come stazione di testa e massima espressione dell’epoca per Milano tanto e quanto il Duomo.

#2. Menzionando il Duomo non possiamo non ammirare lo come Il Palazzo dell’Arengario, forme pure che si mescolano contro la maestosa complessità di Santa Maria Nascente di Milano.

#3. Lampioni di Piazza Duomo. Degni di nota per aver abbellito tutte le nostre foto nella omonima piazza.

#4. Le opere di Pietro Consagra Giallo Mori e Nembro Rosato alla fine di Piazza Duomo e nel punto di incontro con Piazza dei Mercanti.

#5. Banca Italia in Via Cordusio, degno del secondo Rinascimento

#6. Unicredit, un tempo Banca di Roma, in Via Tommaso Edison

#7. Girando in Piazza degli Affari, troviamo Palazzo Mezzanotte, sede della Borsa di Milano (FTSE MIB)

#8. Sede della Telecom, via Gaetano Negri

#9. Nel palazzo opposto al Palazzo Mezzanotte, la sede del Banco di Desio

#10. Per completare i quattro lati della piazza, ecco la sede di Veneto Banca

#11. Piazza San Babila.  La piazza è costellata di palazzi in eleganti che portano l’impronta fascista che rende la piazza riconoscibile da qualsiasi angolo.

#12La Fontana di Luigi Caccia Dominioni che porta in Corso Vittorio Emanuele, non è futurista ma rappresenta l’ecosistema e il territorio lombardo con i suoi monti, le colline, i laghi, i torrenti e la pianura mentre si racchiude in un ciclo d’acqua che ha come partenza e fine la Sfera che raffigura le Nuvole. Fa da centro ad un raggio di azione che include almeno 5 palazzi in stile Fascista o Futurista.

#13. Palazzo di Giustizia in Corso di Porta Vittoria

#14. La Casa del Mutilato in Via Carlo Freguglia

#15. Il Palazzo della Banca Popolare di Milano, in Piazza Meda

#16. Il Palazzo INPS Milano, in piazza Missori

#17. Banca San Paolo di Brescia, in via Cardosso

#18. Casa dei Fasci milanesi, in via Nirone ora polo dell’Università Cattolica del Sacro Cuore

#19. Casa del Fascio, in piazza San Sepolcro, Palazzo Castani (antico palazzo del seicento) venne modificato con un’ala nuova comprensiva di torre littoria. Qui, in Piazza San Sepolcro, nacquero i Fasci di Combattimento Fascisti (ecco perchè poi i fascisti della prima ora vennero chiamati Sansepolcristi)

#20. Fondazione AEM, in Corso di Porta Vittoria

#21. La Triennale di Milano, Palazzo della Triennale in Viale Alemagna

Importante per la fornitura di energia elettrica sono i le due stazioni di ricevimento a Nord ed a Sud Milano

#22. La Ricevitrice Nord, in Via Ponte Nuovo

#23. La Ricevitrice Sud, molto più bella, in Viale Ortles

#24. In Piazza Cavour, ha molti nomi come: Palazzo, Dei Giornali, Del Popolo D’Italia, ma per noi è il Palazzo dell’Informazione, sede storica di giornali dell’epoca, poi de Il Giorno, La Stampa ed Il Financial Times, per dirne alcune.

#25. Sacrario dei Caduti Milanesi o Monumento ai caduti, nome di Battesimo Tempio della Vittoria, in Largo Agostino Gemelli

#26. Eataly Smaraldo, o meglio, il mitico Cinema Smeraldo ai tempi prima della chiusura in Piazza XXV Aprile

#27. Cinema Anteo, ex casa del Fascio, sezione rionale “D’annunzio”

#28. Piscina Romano, in Via Ampère

#29. Il Monastero Agostiniane, in Via Ponzio

#30. La facciata del Santuario di Santa Rita, in Via Santa Rita da Cascia (per me, l’opera più curiosa di tutte)

#31. La Rinascente in Corso Vittorio Emanuele

E quelle mancanti? Indicatecele sulla nostra pagina Facebook con il Tag #FaFuturismo, e noi aggiungeremo le vostre sfumature alla nostra MAPPA.

CLICCA SULLA MAPPA

50 sfumature di nero milano milano citta stato

Leggi anche: 50 sfumature di rosso (alla milanese)

SYDNEY LUKEE 

Leggi anche:
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
Milano città stato: la rivoluzione inevitabile per uno stato allo sbando
E ora Milano città stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano città stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso milano città stato
Corrado Passera: Milano città stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano città stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)