Il DIPINTO su tela più GRANDE del mondo è a Venezia 

Un dipinto da Guinness poco valorizzato

Chiesa di San Pantalon - Martirio di San Pantalon
Credits: Evenice

Sapete dove si trova il dipinto su tela più grande del mondo? 

Il DIPINTO su tela più GRANDE del mondo è a Venezia 

Chiesa di San Pantalon - Martirio di San Pantalon
Credits: Evenice

Una delle cose che più mi affascinano di Venezia è la capacità di sorprendere, confondere, incuriosire, e ammaliare. Lo fa con semplicità, come se non sapesse fare diversamente. Nelle mie lunghe passeggiante erranti in giro per la città, ho imparato a perdermi, a girare senza punti di riferimento e lasciarmi guidare dalla città. 


E un po’ ho imparato a conoscerla. Ma mi ci sarebbero voluti secoli per conoscerla bene, se non avessi avuto l’aiuto di amici, conoscenti, persone sconosciute che si sono dilungate in chiacchiere davanti a uno spritz e che mi hanno raccontato di posti, ponti, storie, palazzi. Ho preso nota, ogni volta, e mi sono armata di pazienza per raggiungere e scoprire cose nuove e indimenticabili. Oggi ne scopriamo uno, a due passi dal campo più conosciuto dagli studenti veneziani. 

# La Chiesa di San Pantalon

Vicino al vivacissimo Campo Santa Margherita, c’è un piccolo campo con una chiesa che sembra più che anonima, a prima vista, a causa del suo muro esterno incompleto: si tratta della chiesa di San Pantalon. Le storie sulle origini di questa chiesa sono molte, incerte, e contraddittorie. Secondo alcuni, la chiesa risalirebbe ai primi dell’anno Mille, secondo altri, dopo. Non è chiaro nemmeno quando fu eretta in parrocchia: secondo qualcuno intorno ai primi anni del XIII secolo, secondo altri, prima. Quello che è certo è che tra la fine del Seicento e l’inizio del Settecento, fu ricostruita interamente perché pericolante, e fu anche ruotata in modo che la facciata, mai completata, si affacciasse direttamente sul campo.

Chiesa di San Pantalon - Campo San Pantalon
Credits: Flickr @FotoFling Scotland

Un’altra cosa certa è quello che succede una volta entrati: meraviglia. Sul soffitto si trova una rappresentazione magnifica, affollata, piena di figure e corpi umani. A prima vista sembra un affresco, ma non lo è. Si tratta infatti del dipinto su tela più grande del mondo, e raffigura Il Martirio e la Gloria di San Pantaleone, un’opera di Giovanni Antonio Fumiani.



# Il Dipinto più grande del Mondo

A dire il vero, il Martirio di San Pantalon non è un unico dipinto: la scena è rappresentata attraverso 40 tele dipinte a olio e cucite tra loro. Il maestro veneziano Giovanni Antonio Fumiani era specializzato in scenografie teatrali, e riuscì a disporre centinaia di figure, tutte affollate tra loro, all’interno di un’area di 443 m² resa ancor più grande dall’uso della prospettiva. L’opera fu realizzata tra il 1680 e il 1704, e ripercorre l’ingiusta condanna a morte e le tappe del martirio di San Pantaleone per opera dell’imperatore Galerio Massimo. 

Chiesa di San Pantalon - Martirio di San Pantalon
Credits: SanPantalon.it

Fumiani impiegò ben vent’anni per completare quest’opera dall’aspetto titanico, che gli costò cara: la leggenda narra che il pittore cadde dalle impalcature e morì proprio mentre stava ultimando le rifiniture di quella che sarà la sua ultima opera. 

Fonte: San Pantalon, VenetoInside

Continua la lettura con: Il LABIRINTO più GRANDE del mondo si trova in ITALIA

GIADA GRASSO 

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.