🛑 “Vogliamo il METRÒ fino a PAULLO”

La richiesta al governo per inserire nel Recovery Plan un progetto atteso da 30 anni. Ecco il possibile tracciato e quanto costerebbe

Progetto MM Prolungamento M3 Paullo

Un progetto atteso da 30 anni dai pendolari che ogni giorno intasano la Paullese. I sindaci dalla provincia di Crema hanno scritto al governo per far inserire l’opera tra le infrastrutture prioritarie nel Recovery Plan. Ecco il possibile tracciato e quanto costerebbe.

“Vogliamo il METRÒ fino a PAULLO”

# I sindaci del cremasco scrivono al premier Draghi per inserire il prolungamento della M3 fino a Paullo nel Recovery Plan

Credits: ilpost.it

L’assessore al bilancio di Crema Cinzia Fontana commenta la lettera firmata da tutti gli esponenti dei partiti cremaschi, in cui viene chiesto di finanziare il prolungamento della M3 fino a Paullo, indirizzata al premier Mario Draghi, ai ministri Daniele Franco ed Enrico Giovannini, al presidente della Lombardia Attilio Fontana e al sindaco di Milano Beppe Sala: “Mosse dall’interesse comune di sostenere azioni positive che portino beneficio al nostro territorio le forze politiche dell’area cremasca hanno condiviso un appello unitario a Governo, Regione e istituzioni locali affinché il progetto di prolungamento della MM3 San Donato-Paullo sia inserito tra gli interventi infrastrutturali prioritari e strategici nel Piano Nazionale Ripresa e Resilienza finanziato col Recovery fund“.


Leggi anche: Il “PONTE SULLO STRETTO” di Milano

# L’ultimo progetto redatto da MM costerebbe 1,1 miliardi di euro: 14 km di estensione con 8 nuove fermate

Progetto MM Prolungamento M3 Paullo

Oltre ad agevolare il viaggio dei pendolari con un collegamento puntuale e efficiente, il prolungamento della linea gialla fino a Paullo andrebbe a snellire il traffico sulla Paullese i cui lavori non sono ancora arrivati a conclusione. L’ultimo progetto nella versione più estesa redatto da Metropolitana Milanese tra la fine degli anni ’90 e l’inizio degli anni ‘2000, insieme ad altri successivi, sono stati tutti bocciati dalla Corte dei conti per mancanza della sufficiente copertura finanziaria e un rapporto costi/benefici non ottimale. L’estensione della M3, come da immagine in alto, prevedrebbe 8 nuove fermate per una lunghezza di circa 14 km con metà del tracciato in sotterranea fino a Peschiera e il resto quasi completamente in superficie o trincea fino a Paullo Est.

Tavola Paullo Teem e Prolungamento M3

Il finanziamento richiesto sarebbe di 1,1 miliardi di euro e secondo i sindaci del cremasco i fondi si troverebbero se l’opera fosse inserita come infrastruttura prioritaria nel Recovery Plan. A questo si aggiunge che la TEEM, tangenziale est esterna di Milano, è stata progettata e realizzata lasciando la spazio necessario per l’estensione delle M3 fino alla fermata di Paullo Est e per il deposito dei treni.



# L’ipotesi più probabile ad oggi: 2 fermate fino a San Donato Est, il resto con metrotranvia o bus rapidi

Prolungamento M3

Al momento l’ipotesi più fattibile contempla un’estensione della M3 per 2 fermate fino a San Donato Est e il resto del percorso realizzato tramite infrastrutture meno impattanti sia a livello costruttivo che finanziario, come metrotranvia o bus rapidi in corsia protetta.

Credit: nord24milano.it

Da anni però anche i comuni a nord di Milano chiedono il prolungamento della M3. Le ultime ipotesi vedono un’estensione massima di altre 2 fermate dopo il capolinea di Comasina: Cormano e Paderno Dugnano.

Leggi anche: Entro il 2030 la METRO CRESCERÀ del 34%: le 38 NUOVE FERMATE in arrivo

Fonte: Il Giorno

Continua la lettura con:🔴 Non è ancora partita che già si allunga: ALTRE 4 FERMATE per la M4? 

FABIO MARCOMIN

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo#Madrid#Berlino#Ginevra#Basilea#SanPietroburgo#Bruxelles #Budapest#Amsterdam#Praga#Londra#Mosca#Vienna#Tokyo#Seoul#Manila #KualaLumpur#Washington#NuovaDelhi#HongKong #CittàDelMessico#BuenosAires#Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedentePer la libertà virtuale stiamo cedendo la libertà reale
Articolo successivoLa VILLA CAPOLAVORO del Palladio (Video)
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.