OLIMPIADI: ci sarà anche la METRO 13

Sarà pronta per le Olimpiadi Invernali 2026 e porterà gli spettatori al nuovo palazzetto del ghiaccio. Ecco il tracciato

Credits: artecna.it - Tracciato e fermate

Sarà pronta per le Olimpiadi Invernali 2026 e porterà gli spettatori al nuovo palazzetto del ghiaccio. Il numero prescelto per la nuova linea richiama la precedente numerazione della “zona” di Milano attraversata dalla metrotranvia. Ecco il tracciato e quali mezzi verranno utilizzati.

OLIMPIADI: ci sarà anche la METRO 13

# La nuova metrotranvia “olimpica”: da Repetti M4 a Rogoredo M3 passando per il futuro palazzetto del ghiaccio

Credits: artecna.it – Tracciato e fermate

Il progetto della nuova metrotranvia nel quadrante est della città procede e entrerà in esercizio in tempo per le prossime Olimpiadi invernali di Milano-Cortina 2026. I due capolinea saranno la fermata della M4 Repetti che serve il quartiere Forlanini alla stazione M3 di Rogoredo e relativo hub ferroviario dei treni regionali, suburbani e alta velocità. L’Assessore alla mobilità Marco Granelli descrive il tracciato, che sarà suddiviso in 17 fermate, 9 delle quali già presenti e in condivisione con il 27 e 8 da realizzare da zero: Lunga 4,7 chilometri, la metrotranvia collegherà l’Alta Velocità ferroviaria, le ferrovie regionali e suburbane e la M3 con Santa Giulia, il palazzetto previsto per le Olimpiadi e, attraverso gli attuali binari del 27, via Mecenate, Ovidio, Marco Bruto, Repetti, quindi il quartiere Forlanini e la relativa stazione M4 e da qui anche Linate. Il capolinea sud sarà in corrispondenza della stazione M3 di Rogoredo, davanti a Sky. Partendo invece da via Repetti, il nuovo tram passerà per via Marco Bruto, via Mecenate, viale Ungheria, via Monluè per poi arrivare al quartiere Santa Giulia e, appunto a Rogoredo.”


Leggi anche: La nuova METROTRANVIA OLIMPICA: si chiamerà “26”?

# Nel 2026 i tifosi potranno raggiungere l’arena di hockey per vedere le gare maschili delle Olimpiadi invernali

Palaitalia. Fonte: corriere Milano

La nuova linea servirà a portare anche gli spettatori del nuovo palazzetto che ospiterà parte delle competizioni durante le Olimpiadi Invernali del 2026 a Santa Giulia. Sarà uno stadio del ghiaccio per le partite di hockey maschile e al suo interno si terrà anche la cerimonia di apertura delle Paralimpiadi, dovrebbe ospitare circa 16.000 persone. Per questo la nuova linea viene soprannominata la “metrotranvia olimpica”.

# Il numero 13 identifica la “vecchia zona” di Milano attraversata dalla linea

Nuovi Tram e Metrotranvie a Milano
Credits: urbanfile.org – Nuovi Tram e Metrotranvie a Milano

La metrotranvia prenderà il numero 13, lo stesso numero al quale erano abbinati alcuni dei quartieri attraversati dalla nuova linea quando a Milano c’erano 20 zone e non 9 Municipi. Questo perché quello della nuova metrotranvia nella periferia sud-est della città è un progetto che risale a molti anni fa, quando la suddivisione amministrativa era differente.
La linea sarà realizzata a scomputo oneri dall’operatore che realizzerà l’edificazione del nuovo quartiere di Santa Giulia nord e i tram utilizzati saranno quelli bidirezionali acquistati dal comune di Milano.



Leggi anche: Per le OLIMPIADI Milano diventa più SVIZZERA

Continua la lettura con: Come una “METRO”: Milano e la Città Ticino sono adesso una MAXI-CITTÀ

FABIO MARCOMIN

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteLe NUOVE ROTTE di Ryan Air e Wizz Air da LINATE
Articolo successivoLa solitudine delle forze dell’ordine
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.