🛑 Nascerà una MEGA AZIENDA dei TRASPORTI per Milano, Roma e Napoli?

Ecco quali sono le ipotesi sul tavolo

Credits: it.blastingnews.com

Per l’Atm potrebbe rivelarsi una scelta rischiosa. Ecco quali sono le ipotesi sul tavolo.

Nascerà una MEGA AZIENDA dei TRASPORTI per Milano, Roma e Napoli?

# La prima ipotesi di condivisione del management di Atm con l’Atac romana 

Credits medium.atm – Arrigo Giana

In queste ultime settimane si stanno facendo sempre più frequenti gli incontri tra l’attuale Direttore Generale di ATM Arrigo Giana e il Sindaco di Roma Gualtieri, con il benestare del Sindaco Sala. L’obiettivo del primo cittadino della Capitale sarebbe quello di mettere Arrigo Giana a capo della presidenza dell’azienda dei trasporti romana, affiancato da un altro manager di Atm Alberto Zorzan, pur continuando a rimanere al vertice dell’azienda dei traporti di Milano. Una collaborazione avvallata dal Pd nazionale, per venire in soccorso all’amministrazione della città eterna ritornata ad essere guidata da un sindaco di centrosinistra. Questa collaborazione tra enti locali però non si limiterebbe a una pura questione di nomine, ma potrebbe riguardare un progetto più ampio in cui Milano avrebbe molto da perderci.


# Il rischio per Atm nell’eventuale sinergia con le aziende di trasporto pubblico di Roma e Napoli

Credits mobilita.org – Charger bus atm

L’ipotesi allo studio, come riportato da milanopost.it, sarebbe quello di creare un mega polo del Trasporto Pubblico Locale unendo ATM Milano con ATAC Roma e ANM Napoli, fatto passare come una fusione o una alleanza necessaria per affrontare le future gare del trasporto pubblico locale e respingere gli “attacchi” delle aziende di trasporto europee. Il rischio per Milano sarebbe quello di peggiorare le performance economiche di Atm unendosi ad aziende come Atac, in concordato preventivo, che ha evitato il fallimento solo perché il Comune di Roma ha rinunciato a far valere i crediti per 500 milioni verso Atac fino al 2039 o dell’ANM di Napoli salvata dal fallimento nel 2018. Tenendo anche conto che il parco mezzi è molto diverso tra le tre metropoli, quindi anche la realizzazione di un’unica centrale di acquisto avrebbe poca utilità, il dubbio è che questa operazione possa servire solo a migliorare la situazione delle aziende di trasporto pubblico di Roma e Napoli, a discapito di quella milanese.

Continua la lettura con: Le STAZIONI da INCUBO della METRO di Milano

FABIO MARCOMIN



Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteCome si dice BRIEFING in milanese?
Articolo successivoIl “Bagno dei coraggiosi” nella LAGUNA BLU nel cuore d’Italia
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.