METRO vs TRAM: quale CONVIENE di più?

E come risolvere i punti di debolezza rispetto al resto d'Europa

Metro vs tram

Vediamo il rapporto tra costi e efficienza delle due tipologie di trasporto pubblico. Ecco il più conveniente.

METRO vs TRAM: quale CONVIENE di più?

# L’investimento per una metro è 10 volte superiore a quello di un tram

Credits: www.ilgiorno.it

La linee metropolitane sono ad oggi, almeno per come vengono gestiti i tram a Milano, molto più veloci ed efficienti. Anche l’investimento per realizzare una linea sotterranea però è molto più elevato di un tram in superficie con un rapporto di 10 a 1. Pertanto con lo stesso costo con cui viene realizzata una nuova metropolitana si potrebbero realizzare dieci linee tranviarie, costruendo teoricamente una dorsale di trasporti talmente estesa da trasformare la mobilità cittadina in una città dalle modeste dimensioni come Milano, tenendo conto solo del perimetro comunale. 


# Sul costo complessivo per km percorsi il tram risulta sempre più conveniente

credit: milanopost.info

Come ha calcolato il sito Muovi_Ti, mettendo in raffronto il tempo per andare in tram e in metro da un punto e l’altro della città e il costo per la realizzazione di entrambe le infrastrutture la convenienza è sempre a favore del tram. Essendo di 1 a 10, il rapporto di costi per una nuova linea tranviaria e una nuova linea metropolitana, e tenendo conto che la velocità media di un tram a Milano è di 10km/h contro i 30km/h di un treno metropolitano si ha che per percorrere ad esempio un tragitto di 10km il tram impieghi un’ora per un investimento pari a 1 e la metro 20 minuti per un costo pari a 10. Se le linee tranviarie fossero gestite come nel resto d’Europa il viaggio potrebbe durare solo 30 minuti, dieci in più di quello in metro.

# Tram e metrotranvie a Milano: più lenti rispetto al resto d’Europa. Come intervenire per renderli più veloci

Metrotranvia Milano Seregno

Veniamo ai problemi di Milano. Attualmente nella nostra città come detto sopra, salvo alcune linee più performanti, la velocità commerciale media di tram e metrotranvie, che escono fuori dai confini comunali, si attesta sui 10km/h. Nelle città europee la media raggiunge i 20-22km/h, che quindi non si discosta di molto da quella di una metro, rendendo questa tipologia di trasporta una vera linea di forza.

A Milano e un po’ in tutta Italia non viene data la dovuta importanza a questa tipologia di trasporto pubblico e questo comporta un servizio meno efficiente di quello che potrebbe essere e un costo superiore per la collettività per la scelta di puntare solo su linee metropolitane anche quando potrebbero esserci alternative valide.



Gli interventi da mettere in atto per aumentare puntualità e velocità di mezzi tranviari sono: corsie protette, semafori asserviti e abolizione del “distanziamento tranviario, ma ancora nessuna amministrazione è intervenuta in modo deciso da rendere ancora più conveniente l’utilizzo del tram.

Continua la lettura con: A Milano il progetto della BICIPOLITANA, la metro delle biciclette

FABIO MARCOMIN

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedente🛑 DEMOLITO il “SIMBOLO” di Sesto (Video)
Articolo successivoQuesto articolo non è da leggere
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.