Lo YACHT più GRANDE e CARO del mondo sarà una “comunità” di super ricchi

Il progetto volto a trasformare uno yacht in un lussuosissimo complesso residenziale galleggiante

credits: winchdesign.com

222 metri di lunghezza, 27 metri di larghezza e 33.500 tonnellate di stazza lorda. Con questi numeri è stato presentato “Somnio”, sognare in latino, un maxi yacht unico al mondo per dimensioni e per il fatto che non avrà un solo proprietario , bensì 39.

Lo YACHT più GRANDE e CARO del mondo sarà una “comunità” di super ricchi

# Soluzioni (e prezzi) unici

credits: @winchdesign_wd su IG
Per accaparrarsi un posto in questo paradiso, ogni fortunato acquirente dovrà sborsare 9,5 milioni di euro con i quali avrà diritto ad un lussuosissimo appartamento e l’utilizzo dei molti spazi comuni. I ricchi possessori condivideranno rotte meravigliose all’insegna del lusso più estremo, coccolati da un equipaggio ultra selezionato e da ogni comfort.
 

Dall’esclusivo salotto di prua dove godere di un panorama sempre unico, ad una cantina con oltre 10.000 bottiglie scelte tra i migliori vini al mondo, ristoranti, bar e beach club. Ogni appartamento, 39 in totale suddivisi su 6 ponti, sarà completamente personalizzabile in base alle richieste del cliente.


# Anche l’Italia sta partecipando alla costruzione di Somnio

credits: winchdesign.com

Il transatlantico sarà consegnato da Vard Søviknes, in Norvegia. Lo scafo, e la prima fase di allestimento, verranno eseguiti a Vard Tulcea, in Romania. Altri attori chiave del progetto sono la società madre di VARD Fincantieri, Vard Design e Vard Electro. Sono coinvolti una serie di fornitori e appaltatori del Cluster marittimo norvegese di proprietà di Fincantieri. Alcuni dei consulenti e direttori di reparto sono italiani, segno che la nostra tradizione navale ha fatto e sta facendo scuola nel mondo.
L’imbarcazione è stata concepita da due dei più importanti studi di architettura e design al mondo, Winch Design e Tillberg Design of Sweden.

# Il varo nel 2024

credits: @winchdesign_wd su IG

Il progetto è supervisionato dal co-fondatore di Somnio, il capitano Erik Bredhe, in precedenza comandante di M/V The World, ad oggi l’unica nave residenziale in mare. Ha personalmente scelto lo staff e i membri dell’equipaggio che salperanno, nel 2024, da Vard Søviknes in Norvegia. Lo scafo, e la prima fase di allestimento, verranno eseguiti a Vard Tulcea in Romania.

Rune Rødset, vicepresidente senior vendite e marketing di VARD, ha commentato:
“Nei miei 37 anni in VARD ho fatto tanti sogni. Tuttavia, la soddisfazione di portare a casa il contratto di Somnio, supera nettamente tutto quello che speravo“.



Continua a leggere con: HEPIC, la prima barca a idrogeno per trasporto passeggeri. Ma in Italia non può navigare

ROBERTO BINAGHI

copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteLa ricerca del Sole 24 ore: MILANO è la città più generosa con il resto d’Italia
Articolo successivo“MILANO CITTÀ IMMAGINATA”: i progetti più visionari MAI REALIZZATI. Per fortuna o per sfortuna?
Roberto Binaghi
Nato a Milano il 25 agosto 1965. Sin da bambino frequento l’azienda di famiglia (allora una tipografia, ora azienda di comunicazione e stampa) dove entrerò ufficialmente a 17 anni. Diplomato Geometra all’Istituto Cattaneo a 27 anni e dopo aver abbandonato gli studi grafici a 17, mi iscrivo a Scienze Politiche ma lascio definitivamente 2 anni dopo per dedicare il mio tempo libero alla famiglia e allo sport. Sono padre di Matteo, 21 anni, e Luca, 19 anni. Sono stato accanito lettore di quotidiani e libri storico-politici, ho frequentato gruppi politici e di imprenditori senza mai tesserarmi, per anni ho seguito la situazione politica italiana collaborando anche con L’Indipendente allora diretto da Vittorio Feltri e Pialuisa Bianco (1992-1994). Per questioni di cuore ho iniziato a seguire il mondo del basket dilettantistico ricoprendo il ruolo di dirigente della società Ebro per oltre 10 anni e della Bocconi Basket FIP dal settembre 2019 (ruolo che ricoprirò anche per la prossima stagione). Nel corso degli anni ho contribuito allo sviluppo di alcune start-up e seguito alcuni progetti di mia ideazione che hanno come obiettivo la rivalutazione del patrimonio meneghino oltre che un chiaro interesse sociale.