Le 5 FERMATE da ACCORPARE per rendere più VELOCE la METRO di Milano

Si renderebbe più rapido il viaggio degli utenti senza peggiorare l'accessibilità

Cairoli-Cadorna

Alcune fermate della metropolitana milanese sono troppo ravvicinate. Unendole ad altre o semplicemente saltandole lungo il tragitto si renderebbe più rapido il viaggio degli utenti senza peggiorare l’accessibilità. Ecco dove si potrebbe intervenire.

Le 5 FERMATE da ACCORPARE per rendere più VELOCE la METRO di Milano

#1 Duomo-Cordusio (M1): 275 metri di distanza

Duomo-Cordusio

La stazione Cordusio dista circa 275 metri da quella di Duomo. Significa che il massimo tragitto che può percorrere chi si trovasse a metà strada sarebbe di poco più di 100 metri. Non avrebbe più senso farseli a piedi? Non a caso esiste già un tunnel pedonale che collega la stazione Duomo al Cordusio e che nelle intenzioni dell’amministrazione milanese avrebbe dovuto essere una galleria commerciale. Cordusio andrebbe eliminata: si renderebbe così la metro più rapida senza arrecare nessun problema particolare ai cittadini. 


#2 Cairoli-Cadorna (M1): 490 metri di distanza

Cairoli-Cadorna

In questo caso la distanza tra la stazione di Cadorna FN e Cairoli sulla linea M1 distano circa 490 metri. Si potrebbe mantenere solo la fermata di Cadorna che incrocia la linea M2 proveniente da Lanza e realizzare delle uscite che arrivino fino in Piazza Castello, in modo da non avere fermate intermedie da Duomo.

#3 Missori-Duomo (M3): distanti 450 metri

Missori-Duomo

In pieno centro storico lo stesso discorso può essere fatto tra le stazioni Missori e Duomo sulla linea M3 che sono separate da circa 450 metri. Un soluzione potrebbe essere quella di prevedere un tunnel con tapis roulant che colleghi Crocetta alle uscite della fermata Missori, che verrebbe chiusa, e un altro proveniente da Duomo. In aggiunta a questo rispolverare l’idea del collegamento sotterraneo sempre da Crocetta verso la nuova stazione M4 di Sforza-Policlinico come previsto nelle ipotesi iniziali.

#4 Palestro-Porta Venezia (M1): 444 di distanza

Palestro-Porta Venezia

Le stazioni di Palestro e Porta Venezia distano poco più di 440 metri. Una unica stazione per servire il parco e l’inizio di Corso Venezia non pregiudicherebbe il servizio della metropolitana e lo renderebbero più rapido.



#5 Stazione Centrale-Caiazzo (M2): 490 metri di distanza

Centrale-Caiazzo

Per velocizzare l’interscambio tra rossa, verde e gialla, tra la Stazione Centrale M2-M3 e Loreto M1-M2, si potrebbe bypassare la stazione di Caiazzo, eliminando l’unica fermata intermedia sul percorso.

Per agevolare gli spostamenti a chi è diretto in Piazza Caiazzo si potrebbero costruire dei tunnel pedonali provenienti dalle due stazioni alle estremità e dirette alle uscite già presenti.

Continua la lettura con: M4: 7 CURIOSITÀ che forse non sai sulla METRO del FUTURO

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte.

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteLe 5 ABILITÀ personali che saranno più importanti per la CARRIERA nel futuro
Articolo successivoL’unione fa la forza
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.