Le 5 CURIOSITÀ più strane delle METRO del MONDO

Le conoscevate queste stranezze?

Stazione francoforte-bockenheimer ((credits: keblog.it)

Le metropolitane non sono solo il mezzo di trasporto pubblico più rapido per viaggiare in città, alcune riservano delle stranezze incredibili. Vediamo quali sono.

Le 5 CURIOSITÀ più strane delle METRO del MONDO

#1 Sulla metro di Mosca la fermate sono annunciate da una voce femminile o maschile in base alla direzione dei treni

Slavyansky Bulvar Station, Mosca .jpg

Nella metropolitana di Mosca i nomi delle fermate sono annunciate da una voce maschile o femminile in base alla direzione dei treni, per facilitare l’orientamento ai ciechi.


Sulle linee radiali le fermate in direzione centro sono annunciate da una voce maschile, dal centro verso l’esterno della città da una voce femminile. Sulle linea circolari invece una voce maschile fornisce le indicazioni dei nomi delle stazioni in senso orario, una voce femminile per quelle in senso antiorario. 

#2 Le mappe nella metro di Londra vi dicono quante calorie si consumano percorrendo a piedi la distanza tra le stazioni

Credits: treated.com – Mappa metro Londra con calorie

Nella mappa della London Underground esistono ormai da qualche anno le indicazioni sul numero di calorie che si possono consumare percorrendo a piedi le diverse stazioni. Sono stati molti i medici che hanno appoggiato questo progetto, suggerendo ai propri pazienti, per preservare la propria salute, di scendere dalla metro una o due fermate prima rispetto alla destinazione finale e poi proseguire a piedi.

#3 Nella metropolitana di Tokyo ci sono gli specchi anti suicidio

Credits: gyrastyle.com – Metro Tokyo

In alcune stazioni della metropolitana di Tokyo si trovano degli specchi sulla banchina che secondo i funzionari del trasporto locale sono funzionali a limitare il numero di suicidi. L’idea alla base è che se qualcuno si sta per buttare sotto un treno e vede la sua immagine riflessa potrebbe desistere dal terribile gesto.



#4 Nella metro di Pyongyang i nomi delle stazioni non indicano dei luoghi ma provengono dal vocabolario della rivoluzione nordcoreana

Credits: domfell
IG – Murale Kim II Sung

Rispetto alle stazioni di tutto il mondo, quelle delle linee metropolitane di Pyongyang, in Corea del nord, non sono identificate dal nome dei luoghi in cui sono ubicate. Sono utilizzati invece concetti pomposi provenienti dal vocabolario della rivoluzione nordcoreana, come camerata di guerra, paradiso o ritorno trionfale.

Leggi anche: La METROPOLITANA più PROFONDA del MONDO: l’unica che non ha nomi di luoghi alle stazioni

#5 A Washington c’è una metro riservata ai senatori

Credits elly_88_ IG – Campidoglio Washington

I membri del Congresso e il loro personale hanno una piccola linea della metropolitana dedicata, che non è aperta al pubblico.

Estesa poco meno di 1 km, con 3 linee che corrono avanti e indietro tra gli edifici del Congresso e il Campidoglio. Le tratte sono: edificio Rayburn House – Campidoglio, edificio del Senato Russell – Campidoglio, edificio del senato Hart – edificio del senato di Dirksen – Campidoglio. Il personale deve essere scortato dalla sicurezza. Durante le votazioni la metropolitana è riservata ai membri del Congresso, che in meno di un minuto possono recarsi al Campidoglio.

Continua la lettura con: Le 10 METROPOLITANE da RECORD MONDIALE

FABIO MARCOMIN

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteI 7 BORGHI più belli della LOMBARDIA
Articolo successivo5 COSE IMPOSTE da fuori che NON HANNO ATTECCHITO a Milano
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.