I SUPERTRAM TANGENZIALI di PARIGI: una strategia da copiare?

Le rete tranviaria parigina si sta espandendo con servizi extraurbani veloci per collegare le periferie

0
Di Arbalete - Opera propria, Background map form Openstreetmap (http://www.openstreetmap.org/)., CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=29531392 - Nodo Castellanza-Busto Arsizio

Le rete tranviaria parigina si sta espandendo con servizi extraurbani veloci per collegare le periferie. Un’idea per migliorare i trasporti nell’area milanese?

I SUPERTRAM TANGENZIALI di PARIGI: una strategia da copiare?

# I tram-treno espressi che collegano le periferie parigine

Di Maximilian Dörrbecker (Chumwa) – Opera propria, CC BY-SA 2.5, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=6815561 – Tranvie Grande Parigi

Nello sviluppo del trasporto pubblico parigino, in questo caso dell’area metropolitana, una grande importanza stanno rivestendo le linee di tram-treno veloci.

sustainable-bus.com – T12

L’ultimo in ordine di tempo a ad entrare in funzione è stato a dicembre 2023 il Tram Express Sud, la T12, nella tratta tra Massy-Palasieau e Évry-Courcouronnes. Si tratta di un totale di 20,4 km di percorso che attraversa 13 comuni in 39 minuti.

# L’utilizzo misto di binari ferroviari in disuso e tranviari

sustainable-bus.com – Tram T12

La linea, che dovrebbe allungarsi a nord verso Versailles, prevede l‘utilizzo sia di binari tranviari che ferroviari, generando quindi economie di scala sia per quanto riguarda le infrastrutture che per il materiale rotabile. Nel tratto di circa 10 km tra Massy ed Épinay-sur-Orge i mezzi viaggiano su binari in precedenza serviti dalla linea suburbana RER C, a una velocità commerciale di 39 km/h, mentre il resto del percorso è su binari simili quelli del tram tradizionale, a una velocità di 25 km/h.

La linea T13 ha rilevato invece un tratto di una linea Transilien che a differenza delle RER, linee che attraversano il centro della capitale, sono linee radiali.

I Libri di Milano Città Stato a casa tua: scopri come fare

# Possibile nell’area metropolitana milanese?

Di Arbalete – Opera propria, Background map form Openstreetmap (http://www.openstreetmap.org/)., CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=29531392 – Nodo Castellanza-Busto Arsizio

Potrebbe Milano prendere spunto da Parigi? L’area metropolitana milanese presenta poche linee ferroviarie dismesse da riadattare a linea tramviaria o di tram-treno, però qualcosa si potrebbe fare. Tra i tracciati presenti, come segnala Marco Montella in un post sul gruppo Cantiere Urbanfile, c’è il vecchio raccordo tra Garbagnate FN e l’ex Alfa di Arese per il quale era stato ipotizzato un servizio suburbano come spola, o la ferrovia abbandonata tra Castellanza e Busto Arsizio che potrebbe tornare utile per creare un’intera rete a servizio della conurbazione del Sempione, date le diramazioni in disuso presenti nell’area.

Nel frattempo, per rendere efficiente il servizio delle tranvie extraurbane esistenti e in costruzione oltre a quelle urbane e le classiche linee tranviarie, consentendo un aumento della velocità commerciale dei mezzi e una frequenza maggiore, si potrebbe attivare il tanto atteso asservimento semaforico

Leggi anche: BOLOGNA apre ai TRAM ma sceglie un’ALTRA STRADA: a Milano le FERMATE sono TROPPO VICINE?

Continua la lettura con: TRAM come METRO: la LIGHT RAIL sarebbe utile per Milano?

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


Articolo precedenteDEBUTTA sui BINARI ITALIANI il nuovo RAILJET
Articolo successivoNuova Darsena ancora in alto mare: cosa serve per completare la riqualificazione?
Fabio Marcomin
Giornalista pubblicista. Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia. Il mio background: informatica, marketing e comunicazione. Curioso delle nuove tecnologie dalle criptovalute all'AI. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome