METRO. La proposta di 5 CORSE NO STOP

Tutte le più importanti metropoli del mondo hanno linee express per servire luoghi nevralgici come aeroporti, stazioni e impianti sportivi. A Milano nemmeno una. Ecco dove potrebbero servire

Duomo-Rho Fiera M1

Tutte le più importanti metropoli del mondo hanno corse express in alcune linee delle metropolitana per servire le destinazioni nevralgiche come aeroporti, stazioni dei treni e impianti sportivi. A Milano non ce ne sono. Ecco quelle che potrebbero essere più utili.

METRO. La proposta di 5 CORSE NO STOP

#1 M1 NO-STOP FIERA: da Duomo a Rho Fiera in meno di 10 minuti 

Duomo-Rho Fiera M1

Le stazioni di Rho Fiera e di Duomo M1 sono separate da 10,9 km e 15 stazioni. I treni della metropolitana impiegano quasi 35 minuti per collegarle. Istituendo delle corse no-stop in occasioni degli eventi fieristici quali Salone del Mobile o l’Artigiano in Fiera, mantenendo la velocità commerciale ci vorrebbero 27 minuti, poco più di 8 invece spingendo i convogli alla massima velocità di linea di 80 km/h.


#2 M4 NO-STOP AEROPORTO: da San Babila si potrebbe raggiungere Linate in 5 minuti

No stop San Babila Linate

I 7 km della tratta tra San Babila e Linate si percorreranno in circa 16-17 minuti quando la linea M4 entrerà in funzione. Saltando tutte le fermate, ma mantenendo la velocità commerciale di 30 km/h si accorcerebbe il tragitto a 13 minuti.. Se però si volesse fare una vera linea express arrivando alla velocità massima consentita di 80 km/h, con delle corse dedicate dal centro città al city airport basterebbero solo 5 minuti.

#3 M5 NO-STOP STADIO: da Garibaldi a San Siro in appena 5 minuti

Garibaldi San Siro no-stop

Oggi servono circa 20 minuti per i tifosi o spettatori di un concerto diretti allo Stadio di San Siro, in arrivo alla Stazione Garibaldi Fs, per percorrere il tracciato con la linea metropolitana M5 lungo le 9 fermate e 6,7 km. Delle corse no-stop alla velocità commerciale di 30 km/h ridurrebbero il tempo effettivo a 13 minuti, alla velocità massima consentita ne basterebbero solo 5.

#4 M3 NO-STOP STAZIONE: da Duomo alla Stazione Centrale in meno di 2 minuti

Duomo Centrale M3

Per transitare nelle 4 stazioni lungo i circa 2,5 km, che separano Piazza del Duomo dalla Stazione Centrale, i convogli della linea M3 ci impiegano 10 minuti contando le soste. Senza fermate intermedie spingendo la metropolitana sino alla massima velocità consentita di 80 km/h il viaggio durerebbe meno di 2 minuti, ammortizzando così anche il tempo necessario per accedere alle fermate in due stazioni così trafficate.



#5 M2 NO-STOP FORUM: da Cadorna al Forum di Assago in 6 minuti per Olimpia e concerti

Cadorna Assago No stop

La distanza tra le stazioni di Cadorna FS M2 e Assago Forum è di 8 km e 6 fermate, quindi ci vogliono poco più di 20 minuti di tempo per arrivare a destinazione contando il tempo di fermata e salita/discesa dei passeggeri. Eliminando le soste intermedie, alla velocità commerciale di 30 km/h si risparmierebbero 5 minuti, ma se si volesse davvero far arrivare i tifosi dell’Olimpia in tempi rapidi alle partite viaggiando a 80 km/h sarebbero necessari soli 6 minuti.

Leggi anche: METRO PARADE: la classifica dei CAPOLINEA più VICINI al centro di Milano

Continua la lettura: I 5 CAPOLINEA della METRO più LONTANI dal centro di Milano: il primo batte tutti i RECORD

FABIO MARCOMIN

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.