Le PICCOLE COSE da FARE a Milano per renderla davvero EUROPEA

Vediamo 5 piccole cose che si potrebbero mettere in atto in poco tempo

Tombino intasato di foglie

Basterebbe poco per dare a Milano un’immagine più in linea con le altre metropoli europee, senza bisogno di grossi investimenti ma programmazione ed efficientamento delle risorse. Vediamo 5 piccole cose che si potrebbero mettere in atto in poco tempo.

Le PICCOLE COSE da FARE a Milano per renderla davvero EUROPEA

#1 La pulizia frequente dei tombini

Tombino intasato di foglie

Per allagare le vie della città non servono temporali intensi, duraturi e di portata eccezionale come quelli che fanno esondare il Seveso. Spesso anche un breve acquazzone riempie le strade di acqua: la causa sono i tombini intasati da foglie e altro materiale depositato. Una pulizia frequente delle caditoie cittadine basterebbe a ridurre sensibilmente il problema.


#2 La manutenzione e cura degli alberi

Credits Urbanfile – Alberi secchi in Melchiorre Gioia

Milano negli ultimi ha aumentato il numero di alberi, sia nelle aree verdi che sui marciapiedi, e ha previsto un piano per arrivare a 3 milioni di nuove piante entro il 2030. Spesso però vengono lasciati al loro destino, senza ricevere cure, manutenzione o una semplice innaffiatura. Non è affatto decoroso vedere alberi rinsecchiti e senza vita lungo le strade della citta, quando basterebbe organizzare una rete di giardinieri e/o sistemi di irrigazione automatica 

#3 L’utilizzo di vernice abrasiva per tenere puliti i pali stradali

Credits Milanipost – Pali con adesivi

In tutte le principali metropoli o cittadine europee i pali della segnaletica o dell’illuminazione stradale sono puliti e senza adesivi, manifesti o scarabocchi. L’utilizzo di una vernice abrasiva renderebbe la manutenzione più facile e meno dispendiosa restituendo l’immagine di una città più pulita.

#4 I marciapiedi in pietra o asfalto di qualità

Credits Urbanfile – Buchi marciapiedi Milano

I marciapiedi di Milano sono prevalentemente in asfalto, salvo le principali zone del centro storico e alcuni quartieri di nuova generazione. Il parcheggio dei motorini, il caldo e l’usura in generale rendono questi tipi di marciapiedi una “groviera”. Per ovviare a questo problema andrebbe utilizzato asfalto di maggiore qualità oppure riservarlo esclusivamente alle strade e realizzare i marciapiedi in cemento o pietra.



#5 Aumentare la frequenza dello svuotamento dei cestini

Credits viveremilano – Cestini pieni

Milano è tra le prime metropoli europee per percentuale di raccolta differenziata e mediamente tramite Amsa offre un servizio di pulizia adeguata, i marciapiedi e le strade sono infatti tendenzialmente puliti. Purtroppo c’è problema ancora irrisolto, e che genera degrado, i cestini dell’immondizia sui marciapiedi spesso stracolmi, sia di giorno che di sera. Fatta salva l’inciviltà di una parte dei cittadini, prevedere una maggiore frequenza nello svuotamento dei cestini renderebbe la città più pulita, in ordine e a livello delle altre città.

Continua la lettura con: I 7 MOTIVI perché Milano NON si può considerare una METROPOLI INTERNAZIONALE

FABIO MARCOMIN

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedente🛑 Il CORTILE della SETA si rifà il look
Articolo successivoMese per mese la DESTINAZIONE TOP al mondo per una vacanza
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.