La PROPOSTA di UrbanFile: il NUOVO STADIO a PORTO di MARE. Che ne pensate?

Vediamo i vantaggi nella costruzione del nuovo stadio sul modello dell'Olympia Park di Monaco di Baviera

0
Credits Urbanfile - Nuovo stadio a Porto di Mare

Credits e Foto copertina: Urbanfile

Gli intoppi per la realizzazione del nuovo stadio di Inter e Milan nell’area di San Siro continuano ad aumentare e si stanno già facendo strada altre alternative dove realizzarlo fuori Milano. Dal blog Urbanfile arriva la proposta di costruirlo nell’area di Porto di Mare, cogliendo così due piccioni con una fava: bonificare e riqualificare questa zona a sud della città da anni in abbandono e lasciare in piedi la Scala del Calcio. Vediamo i vantaggi nella costruzione del nuovo stadio sul modello dell’Olympia Park di Monaco di Baviera.

La PROPOSTA di UrbanFile: il NUOVO STADIO a PORTO di MARE. Che ne pensate?

# Il nuovo stadio sul modello dell’Olympia Park di Monaco

Credits Urbanfile – Olympia Park Monaco di Baviera

Le lungaggini e gli intoppi che sti stanno facendo strada per la costruzione del nuovo stadio di Inter e Milan, tra ostruzioni in consiglio comunale, ricorsi e referendum, potrebbero portare le due società di calcio milanesi a valutare nuove aree cittadine e extra-cittadine. Al momento tra le alternative più accreditate ci sarebbero Sesto San Giovanni, Segrate e San Donato. Il blog Urbanfile ipotizza un’ulteriore zona, in questo caso rimanendo a Milano, dove costruire la nuova “Scala del Calcio” milanese: Porto di Mare, sul modello dell’Olympia Park di Monaco di Baviera.

# I vantaggi dell’area di Porto di Mare: due fermate metro, una stazione dell’alta velocità, la lontananza dalla case e un grande parco

Credits Urbanfile – Nuovo stadio a Porto di Mare

Tra i vantaggi di quest’area nel quartiere a nord di Nosedo ci sarebbero la facilità di accesso, grazie alle due fermate metropolitane di Porto di Mare e Rogoredo M3 e alla stazione dell’alta velocità, la lontananza dalle abitazioni e la possibilità per lo stadio di essere inserito in un unico grande parco unendolo al già esistente Parco Cassinis sulla falsa riga di quanto fatto per lo stadio tedesco. Tra gli effetti collaterali positivi ci sarebbe la bonifica e la riqualificazione di terreni lasciati da troppi anni in abbandono e per i quali il Comune di Milano non riesce a trovare una destinazione utile.

# Il progetto del “porto di Milano” mai realizzato

Credits: Urbanfile – Rendering del porto nel progetto originale

Questa zona a sud della città attende da secoli di trovare una sua identità. Il nome “Porto di Mare” è dovuto infatti al progetto del nuovo porto di Milano che si sarebbe dovuto realizzare proprio in questi terreni. L’esigenza di realizzare un nuovo approdo portuale era emersa già alla fine dell’800, con la Darsena insufficiente per ospitare la grande mole di materiali trasportati dai barconi che scendevano dal Lago Maggiore o risalivano il Po, resa concreta nel 1907 con un progetto presentato dal Genio Civile.

Laghetto a Porto di Mare a causa dell’innalzamento della falda

Iniziati i lavori nel 1919, fermati solo qualche anno dopo da Mussolini con la chiusura delle agenzie portuali padane, ripresero solo nel 1972 grazie al Consorzio Canale Milano-Cremona che ne rivisitò il progetto. Dei 65 km previsti ne furono scavati solo 20, tra Cremona e l’Adda, per essere interrotti di nuovo. L’utilizzo successivo dell’area come discarica da parte dell’amministrazione comunale, la realizzazione della tangenziale est e la chiusura del Consorzio Canale Milano-Cremona hanno messo la parola fine al sogno.

Leggi anche: Il PORTO di Mare a Milano: la storia e il progetto di rilancio

# La Cittadella della Giustizia che doveva essere inaugurata nell’anno di Expo2015

Credits Comune di Milano – Cittadella della Giustizia suddivisione edifici

Tra i progetti di trasformazione di Porto di Mare c’era anche quello della “Cittadella della Giustizia”, pensato per ricollocare tutti gli uffici giudiziari, il carcere circondariale di San Vittore oltre ai tantissimi alloggi per i lavoratori che avrebbero abitato nei pressi del nuovo quartiere. Il nuovo polo giudiziario si sarebbe dovuto sviluppare su una superficie di 1.200.000 mq. I lavori sarebbero dovuti partire entro il 2010 e concludersi entro la fine nell’anno dell’Expo 2015, per un investimento complessivo di 1 miliardo di euro.

 

Leggi anche: La CITTADELLA della GIUSTIZIA: il progetto mai realizzato a Milano

Continua la lettura con: MILAN e INTER scappano da Milano? Le “3 S” alternative a SAN SIRO

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteLa RIVOLUZIONE EPOCALE dell’EDITTO di MILANO
Articolo successivoSe dovessi LASCIARE MILANO, questi sono i posti più ECONOMICI (e pacifici) dove andare VIVERE
Fabio Marcomin
Giornalista pubblicista. Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia. Il mio background: informatica, marketing e comunicazione. Curioso delle nuove tecnologie dalle criptovalute all'AI. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.