La MILANO del FUTURO: 10+1 PROGETTI in arrivo

Vediamo i progetti che trasformeranno la città

Credits ioarch - Spark one

Vediamo i progetti che trasformeranno la città.

La MILANO del FUTURO: 10+1 PROGETTI in arrivo

#1 Citywave by BIG, la nuova porta d’ingresso di Citylife

Credits: corriere.it – Il quarto grattacielo

Poche settimane fa è stata posta la prima pietra per la costruzione di CityWave, firmato dallo studio danese Bjarke Ingels Group (BIG). Sarà il quarto grattacielo di Citylife, la nuova porta d’ingresso alla città nel quartiere dell’ex-fiera. Due edifici autonomi, di 110 e 50 metri, collegati da una struttura a portico sospeso lunga ben 140 metri, sotto il quale ci saranno spazi di lavoro, negozi, ristoranti, due corti private ed un rooftop bar con piscina. Tra la fine del 2023 e l’inizio del 2024 la conclusione prevista dei lavori.


Leggi anche: La prima pietra di CityWave

#2 Unipol Tower, il “nido verticale” di Mario Cucinella di prossima conclusione

Credits: www.mcarchitects.it

La torre Unipol, ormai nota come il “Nido verticale” di Cucinella, così soprannominato per la sua forma e struttura, ha già raggiunto la sua altezza massima e si sta provvedendo alla alla copertura con vetri della struttura esterna. Entro la fine del 2021 il grattacielo di 120 metri per 23 piani dovrebbe essere completamente realizzato.

#3 Welcome, feeling at work di Kengo Kuma&Associates, la rivoluzione giapponese a Milano

Credit: internimagazine.it

Nell’ex area Rizzoli di Parco Lambro avrà luogo la “rivoluzione giapponese” a Milano. Nel 2024 nascerà un nuova costruzione, demolendo quella vecchia e riqualificando la zona, con l’idea di costruire un edificio biofilico, secondo i principi di quella che viene chiamata “l’architettura della vita”. Il progetto si chiama “Welcome, feeling at work”, sarà a zero emissioni e destinato al lavoro e allo svago. Ci sarà una piazza ricca di vegetazione, corti open air per le riunioni più informali, terrazze con orti e giardini fioriti e serre declinate in luoghi di lavoro ma anche di svago.



#4 TPR Tower of professions, una torre di 20 piani per 75 metri nei pressi del Naviglio Grande

Credits: grattacielimilano.it

Il progetto TPR prevede la costruzione di un complesso edilizio multifunzionale su una posizione strategica lungo la ferrovia Milano-Mortara che collega Corsico al centro di Milano in pochi minuti. Il complesso, che si affaccia su un parco urbano esistente delimitato a sud dal Naviglio Grande, è composto da una grande lastra orizzontale di due livelli fuori terra, sormontata da una torre di 20 piani per un’altezza di 75 metri.

#5 Torre Faro, il primo grattacielo del sud di Milano, ai confini del futuro “Scalo Romana”

Credits: fanpage.it – Torre Faro A2A

Il grattacielo progettato dallo studio Citterio-Viel & Partners, già rinominato la “Torre Faro” servirà a raggruppare sotto un unico tetto gli svariati uffici sparsi sul territorio della multiutiliy A2A. Caratteristica saliente del progetto sarà l’originale “spaccatura” centrale a circa 60 metri d’altezza con giardini pensili oltre che l’uso di innovativi sistemi di efficienza energetica ed eco sostenibilità. Raggiungerà i 145 metri per 28 piani complessivi e dovrebbe essere concluso tra il 2023 e il 2024.

#6 Spark One e Spark Two, due edifici di 9 piani che stanno colmando i “vuoti” rimasti tra Rogoredo e Santa Giulia

Credits Urbanfile – Spark One

Il quartiere di Santa Giulia, confinante con Rogoredo e la stazione ferroviaria, si sta arricchendo di due edifici dal design simile a quelli già presenti per la sede Sky. Spark One e Spark Two, firmati da Progetto CMR, rappresenteranno simbolicamente un nuovo portale d’ingresso nel sud di Milano. Due edifici di 9 piani, sviluppati su una superficie totale di circa 52mila mq, altamente efficienti e sostenibili secondo i parametri per il raggiungimento della certificazione LEED v4 Platinum e anche della certificazione WELL che valuta il livello di benessere e comfort degli ambienti lavorativi. I lavori sono nella loro fase finale.

Leggi anche: Un nuovo BUSINESS DISTRICT cambia il volto di SANTA GIULIA. Sarà la CityLife della periferia?

#7 “Gioia 20 Est” e “Gioia 20 Ovest”: i grattacieli fratelli di Porta Nuova

Credits: Urbanfile – Gioia 20

Il progetto di “Gioia 20” è suddiviso in “Gioia 20 Est”, alto 98 metri di fronte a “Gioia 22”, e “Gioia 20 Ovest” di 64 metri. I primi scavi e lavori sono già partiti nella prima metà di quest’anno. Le due torri ad uso terziario, che rientrano nel vasto progetto di Porta Nuova Garibaldi Varesine, andranno a coprire gli ultimi due buchi rimasti in questa porzione del Centro Direzionale. Consegna prevista tra fine 2023 e inizio 2024.

#8 Park Towers Milano, due torri di 77 e 55 metri con affaccio sul parco Lambro

Credits: milano.corriere.it – Park towers

Park Towers Milano è un progetto di Asti Architetti gestito da BlueStone, primario sviluppatore immobiliare. Le due torri di 77 e 55 metri d’altezza, entrambe con affaccio sul parco Lambro, sono composte da 107 appartamenti di diversi tagli e metrature, 123 box e si svilupperanno su un area verde di circa 5.000 metri quadrati ad esclusiva fruibilità dei residenti con spazi comuni come co-working, palestra, area gioco bambini, delivery room, sala eventi. 

#9 East Up Town, le nuove residenze a Cascina Merlata

Credits Urbanfile – East Up Town

A Cascina Merlata, il nuovo quartiere tra Molino Dorino, Cimitero Maggiore e MIND, procede la realizzazione del progetto Uptown dello Studio Scandurra e Zanetti Design Architettura. Il lotto “East Uptown” ha già visto completato il settore R3, mentre il settore R2 composto da due edifici in linea e di tre torri, è giunto al tetto anche con la più torre più alta di 25 piani. Entro il 2026 dovrebbe essere realizzato anche il lotto R1.

#10 Pirelli 39, di Diller Scofidio + Renfro e Stefano Boeri Architetti, l’ultima “maxi rigenerazione” in Porta Nuova

Credits: Urbanfile – Pirelli 39

Il progetto di ridisegno complessivo dell’area tra via Pirelli 39 e via Melchiorre Gioia, affidato al pool di studi di architettura composto da Stefano Boeri Architetti, Diller Scofidio + Renfro, prevede 3 interventi:

  • un nuovo grattacielo, “Torre Botanica”, un vero e proprio polmone verde con 1.700 metri quadrati di vegetazione distribuiti su più piani e cambierà il colore della facciata con l’alternarsi delle stagioni;
  • il ponte a scavalco su via Melchiorre Gioia diventerà nuovo hub a servizio della città e una serra delle biodiversità;
  • l’ex-edificio degli uffici comunali al civico 39 di via Pirelli subirà una pesante riqualificazione con un rivestimento di vetrate e con una terrazza panoramica all’ultimo piano.

Leggi anche: La TORRE BOTANICA: il nuovo grattacielo che cambia COLORE in ogni stagione

#10+1 Hippodrhome, una torre di circa 80 metri con affaccio sull’ippodromo di San Siro a firma di Beretta Associati

Credits Urbanfile – Hippodrome

Da qualche mese sono iniziati i lavori per la realizzazione del progetto immobiliare Hippodrhome, a Lampugnano, a pochi possi dal cuore antico del borgo. Una torre di 22 piani di circa 70-80 metri d’altezza, appoggiata su un edificio di 6 piani, si affaccerà sull’ippodromo di San Siro. Il nuovo complesso abitativo di oltre 16 mila metri e 135 unità abitative, avrà al suo interno palestra, locker room e area di coworking .

Continua la lettura con: I 7 GRATTACIELI più IMPRESSIONANTI in arrivo nel MONDO

FABIO MARCOMIN

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.