Il MERCATO COPERTO PREALPI rinasce con un RESPIRO EUROPEO: ecco il progetto

Il progetto si ispira ai mercati coperti delle grandi città europee: diventerà un centro di attrazione per una zona in difficoltà?

Credits: milanoevents.it Mercato coperto

Un canone di affitto di 17.500 euro annui e tutte le ristrutturazioni a carico del nuovo locatario per poter rilanciare il mercato coperto in Piazza Prealpi nel quartiere Cagnola, nel municipio 8.

Il MERCATO COPERTO PREALPI rinasce con un RESPIRO EUROPEO: ecco il progetto

# Da luogo di degrado a centro polifunzionale

Credits: blog.urbanfile.org
Mercato coperto prealpi

Dopo gli antichi fasti la struttura ha vissuto un lento degrado che ha visto diminuire le presenze dalle 35 previste a 12. In cerca di un meritato rilancio, per una situazione che non dovrà essere solo vendita ma spazio di aggregazione, il Comune, attraverso Palazzo Marino, informa gli interessati che nel progetto c’è proprio una ricerca di rilancio con interventi strutturali che diano vita a un luogo polifunzionale che rilanci la vita del quartiere.


# Il progetto si ispira ai mercati coperti delle grandi città europee

Credits: urbanpost.it
Mercato coperto Barcellona

Certamente sono importanti i lavori che si dovranno effettuare a causa del degrado in cui versa l’intera struttura, ma la direzione non è solamente quella già segnata da altri mercati rionali che sono stati riportati alla piena operatività quali Lorenteggio, Wagner e altri ancora. Ci si ispira ai famosi mercati al chiuso delle capitali europee, quelle strutture che già solo per l’architettura richiamano non solo clienti ma turisti da tutto il mondo. Libera iniziativa a chi vorrà cimentarsi nella nuova gestione che prevede 20 anni di contratto, quanto basta per rientrare degli investimenti che verranno effettuati.

# E’ tutto nelle mani dei futuri investitori

Credits: milanoevents.it
Mercato coperto

Saranno vagliati i progetti partendo dal presupposto che, chi si porterà a casa il contratto, dovrà adeguare tutti gli impianti e, soprattutto, dovrà garantire l’impegno lavorativo al personale che sta operando nella struttura. Cristina Tajani, assessore politiche per il lavoro, attività produttive e commercio, crede molto nel progetto e nel fatto che bisogna puntare molto sui food market come futuri centri di aggregazione. Ora la palla è in mano dei futuri investitori.

 



Fonti: milanotoday.it

Continua la lettura con: A Milano ha aperto il SUPERMERCATO dove NON SI PAGA

ROBERTO BINAGHI

Leggi anche: Panzerotti di Luini a Milano, per il forno un nuovo traguardo: il “vecchio” Luigi compie 90 anni

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteAndare in SPIAGGIA su MARTE: si può fare in Italia
Articolo successivo🛑 L’open air più STILOSO di Milano: inaugura il CINEMA all’APERTO di FONDAZIONE PRADA
Roberto Binaghi
Nato a Milano il 25 agosto 1965. Sin da bambino frequento l’azienda di famiglia (allora una tipografia, ora azienda di comunicazione e stampa) dove entrerò ufficialmente a 17 anni. Diplomato Geometra all’Istituto Cattaneo a 27 anni e dopo aver abbandonato gli studi grafici a 17, mi iscrivo a Scienze Politiche ma lascio definitivamente 2 anni dopo per dedicare il mio tempo libero alla famiglia e allo sport. Sono padre di Matteo, 21 anni, e Luca, 19 anni. Sono stato accanito lettore di quotidiani e libri storico-politici, ho frequentato gruppi politici e di imprenditori senza mai tesserarmi, per anni ho seguito la situazione politica italiana collaborando anche con L’Indipendente allora diretto da Vittorio Feltri e Pialuisa Bianco (1992-1994). Per questioni di cuore ho iniziato a seguire il mondo del basket dilettantistico ricoprendo il ruolo di dirigente della società Ebro per oltre 10 anni e della Bocconi Basket FIP dal settembre 2019 (ruolo che ricoprirò anche per la prossima stagione). Nel corso degli anni ho contribuito allo sviluppo di alcune start-up e seguito alcuni progetti di mia ideazione che hanno come obiettivo la rivalutazione del patrimonio meneghino oltre che un chiaro interesse sociale.