Bar chiusi, ristoranti vuoti, negozi trasformati in temporarystore: MILANO IRRICONOSCIBILE. Si riprenderà?

Il grido di allarme in una città che sembra diventata l'ombra di se stessa

credits: repubblica.it

Dopo due anni di pandemia, ci si chiede quale sia veramente la normalità. Fin dall’inizio si è parlato di un ritorno alla vita pre-Covid, ad una normalità tanto desiderata, ma siamo sicuri che questa pandemia non abbia definitivamente e irrevocabilmente cambiato la vita di tutti? Sarà ben difficile tornare indietro nel tempo, fare finta che nulla sia successo e rivivere la vita di tutti i giorni con quella spensieratezza pre-Covid. E se la vita delle persone è cambiata, quella delle città che le ospitano non è da meno. Potremmo mai tornare alla tanto veloce e dinamica Milano di un tempo? Questo il grido di allarme nell’editoriale di Alessandro Rovellini, direttore di Milano Today. 

Bar chiusi, ristoranti vuoti, negozi trasformati in temporarystore: MILANO IRRICONOSCIBILE. Si riprenderà?

# Una Milano vuota


Milano non è, e non sarà, la città disegnata 5 anni fa. È irriconoscibile! Bar vuoti, serrande abbassate, strade generalmente super affollate dove ora riesci a camminare tranquillamente, senza farti spazio tra un signore che parla al telefono e una donna che beve il caffè con in mano una borsa più ingombrante di lei. Tra i migliaia di contagiati e chi fa quarantene preventive, Milano si è completamente svuotata. A risuonare nel silenzio della città ci sono i riders, che sfrecciano da una casa all’altra per portare il pranzo, la cena o addirittura l’aperitivo e la merenda.

# Una città rallentata

Credits: milanotoday.it
Antares

“Il Covid sta cambiando Milano sotto i nostri occhi”, denuncia Rovellini, citando l’esempio emblematico di Antares in via Vittor Pisani è chiuso da tempo e che non si sa quando e se aprirà. Ma allora chi darà da mangiare a chi lavora negli uffici che popolano la via? Antares infatti è uno dei principali self-service sempre pieno di lavoratori, ora il suo dehors è rifugio per senzatetto. Il vero problema è che molto probabilmente la metà di questi lavoratori non avrebbe più bisogno di andare da Antares, perché avrà un piatto caldo pronto a casa sua. Sì perché il famoso smartworking, tanto osannato e apprezzato, in realtà svuota la città. E allora, milioni di caffè, di pause pranzo e di aperitivi post lavoro in meno. Rovellini cita altri casi, come le difficoltà di Starbucks e, in generale, locali in difficoltà soprattutto nelle zone più centrali e più ricche. Ma in difficoltà appare non solo il presente della città, ma anche il futuro. Con i nuovi progetti che vengono ritardati. 

# Le inaugurazioni rinviate

Credits: @schiacciatella_italiana
Cusano milanino

In più, mentre alcuni progetti pre-pandemia vengono portati a termine, altri, come quello del grattacielo Scheggia di Coima, che svetta tra Gae Aulenti e Gioia, non hanno una data di inaugurazione. Lo stesso accade per la linea M4 con l’inaugurazione rinviata ormai da un anno all’altro. E pure i nuovi progetti programmati per le Olimpiadi a questo punto ci si chiede se abbiano ancora senso.  Il Covid ha creato una nuova normalità, fatta di abitudini diverse, ma che hanno reso Milano un’altra città. Il paradosso? È che mentre i grandi grattacieli della nuova Milano si spopolano, i negozietti di prossimità dei quartieri dormitorio, i piccoli comuni dell’hinterland hanno invece nuova vita. Che stiano diventando questi, conclude Rovellini, il cuore pulsante del nuovo vivere quotidiano di Milano?



Fonti: milanotoday.it

Continua la lettura con: 🔴 OMS: Omicron potrebbe portare alla “FINE della PANDEMIA in Europa”

BEATRICE BARAZZETTI

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.