La variante italiana


È stato pubblicato il documento ufficiale riguardante il Green Pass tradotto in tutte le lingue d’Europa. La traduzione italiana non corrisponde al testo originale.

L’articolo 36 infatti recita in inglese la seguente disposizione a tutela della libertà di scelta dei cittadini nei confronti del vaccino:

“è necessario evitare la discriminazione diretta o indiretta di persone che non sono vaccinate, per esempio per motivi medici […] o perché non hanno ancora avuto l’opportunità di essere vaccinate o hanno scelto di non essere vaccinate“.
 

In tutte le lingue è stata tradotta fedelmente, tranne una. Solo nella versione italiana è stata cancellato “o hanno scelto di non essere vaccinate“.

Regolamento certificato europeo

La cosa grave è che non si tratta di un documento che poteva essere declinato o adattato dai singoli stati, ma è una traduzione.
L’omissione nella traduzione di un contratto o di una legge è una truffa.

In questo caso la truffa è nei confronti dell’Unione Europea che ha definito una tutela da adottare per un documento abilitato su tutto il suo territorio, ma che nella traduzione in italiano tradisce la volontà originaria e condivisa dagli stati.

Quali saranno le conseguenze dei cittadini per questa omissione?

Nascerà una doppia serie di problemi. Da un lato i cittadini italiani che non avranno deciso di vaccinarsi non saranno tutelati in Italia, mentre all’estero sì ma senza saperlo.
Dall’altro lato i cittadini stranieri che verranno in Italia pensando di essere tutelati potranno subire discriminazioni inaspettate, nonostante le garanzie previste dall’Europa.

Il fatto che su un documento così cruciale e vitale, perché rappresenta una possibile contraddizione al valore fondante della libera circolazione in Europa, sia stato omesso il punto fondamentale di tutela della libertà di scelta dei cittadini, non è solo un fatto molto grave dal punto di vista giuridico e dei rapporti internazionali.

Ma è anche la prova documentale che esiste una volontà di manipolazione a livello istituzionale in Italia nella gestione dell’emergenza sanitaria.

Continua la lettura con: Green Pass europeo: nella traduzione in italiano è scomparsa la libertè di scelta

MILANO CITTA’ STATO

Riproduzione vietata al sito internet che commette violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte       

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)       

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 


1 COMMENTO

  1. Molto grave e irregolare, questo non viene fatto in Italia, questo viene fatto dal team di traduzione per ordine del governo italiano, illegale e grave.
    Un governo che cambia dall’esterno la legislazione emanata dall’UE. Penale, e dittatoriale.

Comments are closed.