La politica senza fine

Qual è il fine ultimo della politica?


Il fine è ciò che consente di capire se quello che stiamo facendo è giusto o sbagliato
Un esempio banale è quello del viaggio. Solo la destinazione che vogliamo raggiungere può essere un criterio valido per capire se la strada è quella giusta.

Nel campo della politica qual è il fine che dovrebbe misurare la bontà di ogni decisione?
Forse il problema vero della politica è che non viene trasmesso il fine. Non sapendo il fine il dibattito risulta confuso e dominato da un approccio ideologico o da interessi di parte.


Ogni volta che uno propone una legge si dovrebbe misurarla rispetto al fine che si prefigge. Non solo: si dovrebbe sempre evidenziare il fine più ampio in cui la legge si inserisce.

Ma qual è il fine ultimo della politica? La sensazione è che nessuno lo sappia.
La politica è diventata fine a se stessa. E se il fine giustifica i mezzi, questa politica si basa unicamente sulla strumentalizzazione dei mezzi in nome di un fine politico. Che coincide con la difesa di un potere personale o di un gruppo.

Se la politica non riesce a mettere in luce il fine ultimo della sua azione, significa che il fine è la politica stessa.



Continua la lettura con: la legge della bellezza

MILANO CITTA’ STATO