La politica dell’autoscontro

“Armiamoci e partite!” è una frase proverbiale per descrivere un atteggiamento molto diffuso alle nostre latitudini

Ph. Ben Scherjon (Pixabay)

“Armiamoci e partite!” è una frase proverbiale per descrivere un atteggiamento molto diffuso alle nostre latitudini sia tra i cittadini che tra chi ha il potere. Sintetizza l’attitudine di creare problemi i cui effetti ricadono sugli altri.

Molti commentatori stanno sottolineando come ormai da tempo le politiche adottate dal governo abbiano sulla vita dei cittadini e sull’economia del paese conseguenze imprevedibili e spesso devastanti.
In questi due anni si è visto di tutto: restrizioni sulla libertà, blocchi alle attività economiche, esagerate politiche di chiusura, impedimenti vari a chi vuole svolgere attività economica o a chi porta o produce ricchezza, fino all’effetto boomerang delle sanzioni.


Sulla stessa linea sono gli interventi a singhiozzo che alternano annunci euforici di crescita da boom economico a schianti contro la realtà come fossero dei crash test.
Si sta assistendo a una politica che sembra più finalizzata a un continuo autoscontro che a un percorso di sviluppo e di miglioramento per i cittadini.

E il paradosso è che, come l’autoscontro alle giostre, sembra che questa politica sia un grande divertimento e che tutti siano disposti a pagare un biglietto, anche molto caro, per parteciparvi.

Continua la lettura con: Tutti i pensieri del giorno 

MILANO CITTA’ STATO 



Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato