Gli AMERICANI si trasferiscono in MESSICO a ritmi record: in crescita dell’85% dal pre-Covid

Il Messico arriverà a costruire un muro al contrario?

mike_ramirez_mx

Forse il mondo è davvero cambiato dal 2020 in poi. Milano sta assistendo a una trasformazione radicale. Il 73% di chi vive in centro ha dichiarato che vorrebbe spostarsi in periferia o nell’hinterland. Ovunque in Occidente le città vivono una crisi di identità con i cittadini che si spostano nelle aree di campagna. Anche negli USA si stanno verificando fenomeni migratori insoliti: ci si sposta da uno stato all’altro e si registrano record nel trasferimento dagli States al Messico, proprio dove fino a un tempo il problema era l’opposto, con l’immigrazione incontrollata. Vediamo alcuni estratti dal sito zerohedge.com su dati di bloomberg.com. 

Leggi anche: Fuga dal centro: il 73% preferisce spostarsi altrove

Gli AMERICANI si trasferiscono in MESSICO a ritmi record: in crescita dell’85% dal pre-Covid

Traduzione estratti da: Americans moving to Mexico – zerohedge.com

Gli americani si stanno trasferendo in Messico al ritmo più alto da quando le statistiche sono diventate disponibili per la prima volta nel 2010, con le richieste di status di residente temporaneo che salgono alle stelle dell’85% rispetto ai livelli del 2019. 

Il Messico ha concesso 8.412 permessi di questo tipo nei primi tre trimestri di quest’anno, rispetto ai 4.550 nello stesso periodo del 2019.  Nello stesso periodo, le borse di residenza permanente messicane sono aumentate del 48% , raggiungendo 5.418. 

“Quella che è iniziata come una fuga dalla pandemia per gli americani in cerca di destinazioni convenienti con poche restrizioni di Covid-19 sembra diventare strutturale”, riferisce  Bloomberg . 

americani in messico – zerohedge.com

# Identikit dell’americano in fuga

Non si tratta solo di pensionati che cercano brezze calde e un basso costo della vita. L’aumento è anche trainato in parte dalla tendenza al lavoro a distanza, incoraggiata dal governo messicano.

Il Messico rende facile per gli americani lavorare a sud del confine. Un visto turistico ti consente di lavorare lì per un massimo di sei mesi, a condizione che tu riceva il pagamento al di fuori del Messico. Molti americani estendono ripetutamente quel lasso di tempo semplicemente tornando negli Stati Uniti e quindi rientrando in Messico con un nuovo visto, riavviando l’orologio a 180 giorni.

Dato questo quadro, i permessi di soggiorno temporanei rappresentano solo una frazione del numero effettivo di americani che vivono a tempo indeterminato in Messico . Il Dipartimento di Stato americano stima il numero a 1,6 milioni.

# Le preoccupazioni dei messicani

Città del Messico è la destinazione principale, e questo è motivo di controversia nella città che è più popolosa di New York e ospita un quinto dell’intera popolazione del paese: “L’aumento degli americani che rimangono più a lungo turba alcuni locali preoccupati per il costo della vita, specialmente in alcuni dei quartieri storici che sono la loro principale destinazione a Città del Messico. I social media sono pieni di lamentele sui cosiddetti nomadi digitali e sul loro presunto impatto sull’aumento degli affitti.”– Bloomberg

Il governo di Città del Messico, tuttavia, sta accogliendo a braccia aperte l’afflusso. La scorsa settimana, i funzionari della città hanno annunciato un’iniziativa con Airbnb per promuovere la città come luogo ideale per i lavoratori a distanza. 

# Il boom del quartiere cool di Città del Messico

mike_ramirez_mx

“Vogliamo ora promuoverlo ancora di più”, ha affermato il sindaco di Città del Messico Claudia Sheinbaum, che ha cercato di dissipare i timori che il flusso di americani stesse spingendo gli affitti più alti. “La maggior parte dei nomadi digitali predilige quartieri costosi”, ha affermato Sheinbaum, “come Condesa, Rom e Polanco. Gli affitti a Condesa, che l’ Evening Standard del Regno Unito ha soprannominato “il quartiere più cool di Città del Messico”, sono aumentati del 32% nella prima metà del 2022.

Uno di questi nomadi americani è stato descritto in un recente servizio della CNN. Erik Rodriguez, un analista di sviluppo economico di 37 anni per un’agenzia con sede negli Stati Uniti che parla poco spagnolo, si è trasferito a Città del Messico per risparmiare denaro e godersi lo stile di vita. In tal modo, si è trasferito da un monolocale a San Diego a un appartamento con una camera da letto a Città del Messico e ha ridotto il suo affitto da $ 2.500 a $ 800.

# Impatto sui prezzi e scarsa integrazione degli americani con i locali

Credits: meteoweb.eu
Città del Messico

Dall’altro lato della medaglia, “I prezzi sono molto più alti”, ha detto uno dei cinque fratelli che avevano rilevato l’attività dal padre, un ristorante. “È difficile perché molti di questi stranieri vengono e hanno un sacco di soldi da poter spendere per questi appartamenti e gli affitti”.

Altri si lamentano del fatto che le ultime ondate di americani fanno poco sforzo per imparare lo spagnolo e si aspettano che i dipendenti dei ristoranti e dei negozi che frequentano parlino inglese. “Non è che ci sia interesse a partecipare e comprendere la cultura locale qui”, ha detto alla CNN un locale .

Nonostante il malcontento, non ci si aspetta che il governo messicano inizi a costruire il proprio muro: gli americani in Messico hanno generato entrate per 11,5 miliardi di dollari per il paese solo nei primi cinque mesi di quest’anno. Nel frattempo, la continua frammentazione della società americana farà sì che molti altri gringo lanceranno i loro occhi erranti a sud del confine.  

Traduzione estratti da: Americans moving to Mexico – zerohedge.com

Continua la lettura con: Benvenuti nell’era della disintegrazione

MILANO CITTA’ STATO

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/