Le 7 DOMANDE che tutti i MILANESI si fanno almeno una VOLTA nella vita a Milano

Le domande più ricorrenti a Milano. Te le sei fatte anche tu?

Domande dei milanesi

Le domande più ricorrenti a Milano. Te le sei fatte anche tu?

Le 7 DOMANDE che tutti i MILANESI si fanno almeno una VOLTA nella vita a Milano

#1 Che fine hanno fatto i milanesi?

Un grande classico. La città più internazionale d’Italia a volte sembra esagerare e diventa quasi impossibile rintracciare un milanese autoctono. Anche perché pure chi lo è cerca di mascherarsi dietro qualche antenato proveniente da un luogo lontano. 

#2 Cosa rimane a fare qui la gente che si lamenta di Milano?

Un’altra domanda che si fanno in molti è perché chi si lamenta di Milano continua a viverci, invece di andare altrove, o non si rende invece utile in prima persona per provare a migliorare le cose che non vanno?

#3 Ce la farò ad arrivare a fine mese?

In questi tempi di aumento vertiginoso dell’inflazione, oltre a quello delle bollette di luce e gas, è un domanda che sempre più milanesi si pongono. Di fronte alle impennate del costo della vita e stipendi che restano al palo, questa domanda scorre nella mente anche di chi è benestante. Al momento. 

#4 Perché tutti hanno fretta?

Il primo impatto con Milano è questo: il ritmo sale, le persone sembrano correre. Questa è una domanda che solitamente si fa un milanese acquisito, arrivato in città da poco. Vedendo tutti correre per le strade o lungo le scale mobili della metro si chiede il motivo di questa frenesia: il motivo è che il vero milanese non ha tempo da perdere visto che il tempo è denaro.

#5 Perché non riaprono i Navigli?

navigli: verziere. Prima e ora

Il dibattito sulla riapertura dei Navigli si è riacceso nell’ultimo decennio. I milanesi si chiedono infatti perché non venga ripristinato l’antico percorso dei canali lungo la cerchia interna, visto che molte città in Europa hanno riaperto i canali un tempo coperti per fare posto alle auto.

#6 Come sarebbe Milano con il mare?

Milano Panoramica – Il mare a Porta Nuova

Immaginarla con il mare è qualcosa che capita a tutti, prima o poi. 

#7 Perché il tram è maschile e il bus femminile?

Credits: pixabay.com – Tram Milano

Questa domanda se la fa chi vive a Milano ma arriva da altre parti d’Italia e non si spiega perché il tram abbia il genere maschile e il bus quello femminile. Il motivo è che fino al 1969 i tram sono sempre stati contraddistinti dai numeri, mentre gli autobus da lettere e quindi al nome della linea veniva anteposto l’articolo femminile, usanza che rimasta ancora oggi.

Continua la lettura con: Le NOVITÀ per MIGLIORARE la METRO di Milano: le 10 proposte dei milanesi

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/