Il nuovo vaso di Pandora

Una metafora spesso usata per indicare il momento in cui vengono scoperte delle cose brutte che erano state tenute nascoste


Il vaso di Pandora è una metafora spesso usata per indicare il momento in cui vengono scoperte delle cose brutte che erano state tenute nascoste per lungo tempo.

L’allocuzione deriva dal famoso mito greco in cui Zeus si vendica dell’arroganza degli uomini facendo scoprire tutti i lati negativi dell’umanità che fino ad allora erano stati tenuti lontano dal mondo.


Zeus, che simboleggia per gli antichi greci la Natura, punì duramente gli esseri umani dopo l’affronto di Prometeo che aveva osato sfidare gli dei e, dunque, le forze della natura.

Nel vaso di Pandora c’erano tutti i mali del mondo, la vecchiaia, la pazzia, la malattia, i virus, e simboleggia che all’essere umano la natura consente tutto tranne che di porsi al di sopra di essa.

Sicuramente l’uomo negli ultimi tempi si è arrogato il diritto di porsi al di sopra della natura. E sicuramente la natura non è fatta per stare alle regole imposte dall’uomo.
Reagirà scoperchiando un nuovo vaso di Pandora? 



Continua la lettura con: La regola di Totò per capire se siamo governati da imbecilli

MILANO CITTA’ STATO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.