Il canto del cigno

L’ultimo exploit di una situazione che sta per terminare


Pensiero del giorno

L’espressione canto del cigno nasce nella notte dei tempi e si riferisce all’abitudine dei cigni che prima di morire esprimono il loro canto più bello e articolato. Nell’uso comune si utilizza questa espressione per identificare l’ultimo exploit di una situazione che sta per terminare.


In questo senso, la recente esplosione di norme, decreti, obblighi e imposizioni, spesso contraddittorie tra loro e di difficile interpretazione, sembrano rappresentare il culmine massimo di due anni di deliri normativi in cui gli uomini nudi davanti alla Natura hanno tentato con rituali burocratici di esorcizzare la paura della morte.

Nei prossimi mesi vedremo se il canto del cigno bianco inaugurerà la stagione del cigno nero dell’economia.

Continua la lettura con: Quinto Potere. Il monopolio della ricchezza

MILANO CITTA’ STATO



Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.