Come i cani

Da alcuni giorni un nuovo fenomeno è stato avvistato in città

Ph. Lepale (pixabay)

Da alcuni giorni un nuovo fenomeno è stato avvistato in città.
Si tratta di persone che non potendo entrare in un bar per prendere un caffè non hanno più a disposizione nessun tipo di servizio igienico e quindi i condizioni di emergenza sono obbligate a espletare i loro bisogni fisiologici nei pressi di un albero.

Del resto, non è vietato neanche ai cani espletare i loro bisogni all’aperto.
Le diverse normative stanno creando un sottobosco di cittadini che non hanno accesso a nulla e che sono costretti a vivere nell’ombra. E di questo il resto della popolazione non se ne accorge neanche.


Il fatto di essere costretti a fare i loro bisogni all’aperto è la punta di un iceberg di una situazione che sta diventando completamente fuori controllo e al di là di qualsiasi mondo civile. Paradossalmente, fare la pipì all’aperto è l’unico modo per rendere visibile questa situazione drammatica alle altre persone che non si rendono conto che persone come loro sono costrette ad adottare comportamenti più consoni ai cani che ad esseri umani.

Forse costringere persone a ridursi come animali potrà risvegliare il senso di umanità nei cittadini.

Continua la lettura con: L’uscita dignitosa

MILANO CITTÀ STATO



Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here