Colpevoli fino a prova contraria

Il grado di civiltà di una società è legato all’assunto che tutti i cittadini sono uguali alla legge e innocenti fino a prova contraria

Giudice scimmia e Pinocchio

Il grado di civiltà di una società è legato all’assunto che tutti i cittadini sono uguali alla legge e innocenti fino a prova contraria.
È l’autorità che deve verificare che sia stata commessa un’infrazione. Prima del processo c’è anche l’istruttoria in cui il magistrato valuta se fare il processo oppure no, perché da una prima analisi spesso vengono archiviate per inconsistenza delle prove.

Questo è il pilastro della civiltà perché una società si regge sulla fiducia tra i cittadini e nei confronti dell’autorità. L’obiettivo del sistema democratico è di evitare una pena che poteva essere evitata. Infatti vengono giudicati criminali i regimi che comminano una pena prima ancora di aver fatto il processo.


Si preferisce il rischio di avere un colpevole fuori piuttosto che avere un innocente in carcere: questo è il fondamento delle democrazie moderne e civili che si sono costituite in seguito alle rivoluzioni francese e americana, in cui anche Milano con Beccaria è stata uno dei fari ispiratori.

In questo periodo si sta diffondendo in modo pandemico l’idea per cui sei colpevole fino a che non dimostri la tua innocenza. Diffondendo l’idea liberticida e antidemocratica che una persona è contagiosa, ossia colpevole, fino a prova contraria.
Forse il prezzo più alto che si rischia di pagare nel nome della massima sicurezza sono più di duecento anni di conquiste sociali.

Continua la lettura con: L’egoismo dell’altruista (e viceversa)

MILANO CITTA’ STATO