“Amo Milano così tanto da volerci trasferire OGNI MINISTERO”: ma potrebbe trasformarsi in un INCUBO

Ministeri a Milano? Un bene per l'Italia, il pericolo più grande per Milano

Ph. Andrea Cherchi

Unico punto della campagna elettorale che sembra mettere d’accordo tutti gli esponenti del territorio, da destra a sinistra, è quello di spostare a Milano uno o più ministeri di temi economici. D’accordo anche le organizzazioni commerciali e industriali. Esce però anche la provocazione, pubblicata su Il Foglio: spostare ministeri a Milano sarebbe ottimo per l’Italia, ma non per la città. Vediamo perché nell’ampio estratto da Il rischio di iniziare a trasferire ministeri a Milano di Antonio Gurrado. 

Leggi anche: Ministero dell’Innovazione a Milano?


“Amo Milano così tanto da volerci trasferire OGNI MINISTERO”: ma potrebbe trasformarsi in un INCUBO 

“Il capoluogo lombardo sarebbe perfetto per ospitare non solo i dicasteri riproposti da Matteo Salvini ma anche le istituzioni già presenti nella Capitale. Siamo sicuri che alla lunga sarebbe un vantaggio per la città?“, questa in sintesi la riflessione di Gurrado sul Foglio che va in parziale controtendenza rispetto all’entusiasmo dei politici del territorio all’idea di portare il Ministero dell’Innovazione, se non il MISE, a Milano. Così l’autore spiega le sue perplessità.”

# Perché fermarsi solo al Ministero dell’Innovazione? Anche Economia e Lavoro!

Amo Milano di amore commovente, quindi non posso che guardare con favore alla proposta di trasferirci, come ha suggerito Salvini, il ministero dell’Innovazione. Non sorprende che accademici e professionisti stiano supportando l’idea: vi viene in mente una città italiana più innovativa di Milano, dai quartieri generali dei Big Tech allo skyline che cambia a vista d’occhio? Certo, sarebbe forse il caso di trasferirci anche il ministero del Lavoro, poiché non c’è città più laboriosa di quella in cui, come diceva Bianciardi, pagano uno che scava una buca per poter pagare un altro che la riempia. E il ministero dello Sviluppo economico, non lo mettiamo nella città più sviluppata d’Italia? Probabilmente converrebbe trasferirci anche il ministero dell’Economia: in fondo Piazza Affari è lì e i soldi pure.”

Ph. Francesco Ungaro – Pexels

# E perché non la Cultura? “Milano è in grado di trasformare in cultura tutto ciò che tocca” 

“Ci terrei ad aggiungere il ministero della Cultura, non solo per l’alta concentrazione editoriale ma anche perché, mentre altrove sono ancora fermi alla visita guidata al museo, Milano è in grado di trasformare in cultura tutto quel che tocca: l’avrete letto “Terrazzo” stamattina, sono riusciti a fare una mostra superfashion sui freni. No, dico, i freni.”



# E che dire di Salute, Interni o Esteri?

“Un sistema sanitario formidabile fa meritare a Milano il ministero della Salute. Organizzazione capillare e gestione della sicurezza la fanno essere ideale per il ministero dell’Interno. E se mi dite una città altrettanto porto di mare, in cui si parli inglese anche al tavolino del bar, ci mettiamo il ministero degli Esteri.”

# Ma con tutti i ministeri Milano rischia di trasformarsi in Roma

“Ecco, vedete a quali eccessi mi spingono i sentimenti. Amo Milano così tanto da volerci trasferire ogni ministero. Ma la amo al punto da temere che, con tutti questi ministeri, un giorno possa svegliarsi trasformata in Roma.”

Articolo originale: Il rischio di iniziare a trasferire ministeri a Milano di Antonio Gurrado, Il Foglio

Continua la lettura: L’Europa è governata da idioti

MILANO CITTA’ STATO

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato

 


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here