🛑 RIALZO RECORD dell’energia: RISCHIO BLOCCO per alcune FILIERE INDUSTRIALI italiane

L'industria italiana sta affrontando una delle maggiori crisi degli ultimi decenni a causa della crescita in tripla cifra del costo delle bollette energetiche

Credits Tama66 -pixabay - Industria

L’industria italiana sta affrontando una delle maggiori crisi degli ultimi decenni, nonostante la ripresa economica, a causa della crescita in tripla cifra del costo delle bollette energetiche. 

RIALZO RECORD dell’energia: RISCHIO BLOCCO per alcune FILIERE INDUSTRIALI italiane

# Rincari fino al 300% delle bollette mettono a rischio la sopravvivenza delle imprese italiane

Credits Tama66 -pixabay – Industria

L’industria italiana è messa a dura prova del rincaro delle bollette energetiche, di luce e gas, con un’impennata dei costi energetici che arriva superare il 300%. Nonostante la ripresa economica sono diverse le filiere a rischio.


Dalla fine di dicembre 2021 molte aziende del manifatturiero, dalle fonderie a quelle di vetro, carta, ceramica e automotive hanno deciso di fermare la produzione per qualche settimana, per evitare il tracollo. Anche le migliori imprese dell’agroalimentare sono davanti al bivio drammatico di chiudere per non accumulare ulteriori ingenti perdite di bilancio per via di una situazione diventata insostenibile. Come sottolinea Ivano Vacondio presidente di Federalimentare, il settore è costituito spesso da aziende di trasformazione medio piccole che lavorano con bassi margini, che vengono azzerati dal costo delle bollette.

# Nel distretto delle ceramiche il costo dell’energia non è assorbibile dalle vendite

Credits legambiente Emilia Romagna – Distretto Ceramico

Tra i settori dove l’impatto del rialzo record dell’energia è maggiore c’è quello delle ceramiche, che concentra tra Reggio Emilia e Sassuolo uno dei maggiori distretti al mondo. La bolletta del gas per questo comparto nel 2022 sarebbe pari a 1,25 miliardi di euro, un valore prossimo a un quarto del fatturato secondo Confindustria Ceramica: “un costo chiaramente non assorbibile per un fattore di produzione che pesa già oggi più del 25% dei costi di fabbricazione“.

Con il costo delle bollette triplicato dall’inizio dell’anno per le aziende del distretto è più conveniente fermare la produzione, come fatto in queste ultime settimane, perché pur con alti ordinativi è insostenibile economicamente lasciare accesi i forni e assumere altro personale, mettendo però a rischio la futura tenuta occupazionale degli attuali dipendenti. 



Leggi anche: Il distretto dell’ORO BIANCO che il mondo ci invidia

Continua la lettura con: Glaciazione, carenza risorse, crollo in Borsa: in arrivo in inverno la MADRE di tutti i DISASTRI?

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here