🛑 Lombardia. I VENTENNI si sono VACCINATI PIÙ degli ultra SETTANTENNI

Vediamo la fotografia della campagna vaccinale in regione

Credits Il Sole24ore - Vaccinati per fascia d'età Lombardia

Gli ultimi dati sulla vaccinazione in Lombardia. La percentuale di vaccinati in alcune delle fasce meno a rischio di conseguenze per il Covid-19 è più alta rispetto ad altre più a rischio. Il Comune di Milano è al terzultimo posto per vaccinati tra le città capoluogo della Regione. Vediamo la fotografia della campagna vaccinale.

Lombardia. I VENTENNI si sono VACCINATI PIÙ degli ultra SETTANTENNI

# Meno del 5% i ventenni senza vaccino: solo gli ultra ottantenni si sono vaccinati di più

Credits Il Sole24ore – Vaccinati per fascia d’età Lombardia

La campagna vaccinale in Regione Lombardia prosegue a ritmi elevati, si è raggiunta la soglia dell’87%, quasi 3 punti oltre la media nazionale. In base agli ultimi dati disponibili al 19 novembre 2021 si evidenziano però alcune curiosità tratte da Infolab Il Sole 24ore:


#1 Ventenni e Ottantenni si sono vaccinati più di tutti

Il numero più evidente è il 91,97% di persone completamente vaccinate tra i 20 e 29 anni, una delle fasce meno a rischio per le conseguenze del Covid-19 e quindi con un rapporto rischi-benefici negativo in relazione al vaccino. L’unica fascia d’età in cui la copertura è maggiore, al 96,37%, è quella degli over 80, mentre tutte le altre si trovano a una percentuale inferiore, persino quella dei settantenni con il 91,94%.

Considerando la percentuale dei vaccinati con almeno una dose tra i ventenni la differenza con le altre fasce è ancora più marcata, si arriva al 95,27% e quindi a poco meno di 2 punti da quella degli ultraottantenni, più di 3 punti rispetto a quella dei settantenni e dai 10 ai 16 punti percentuali in più rispetto a tutte le altre fasce in cui sono comprese persone con un’età maggiore di 29 anni.

#2 Adolescenti e quarantenni i meno vaccinati

La fascia 30-39 ha più vaccinati di quella successiva, 40-49, l’84,01% contro l’82,13%. Una differenza di due punti percentuali che aumenta contando i cittadini con una sola dose si arriva rispettivamente all’86,53% e all’83,92%;



Nella fascia di età 40-49 la copertura vaccinale con almeno due dosi o con la monodose è superiore solo alla fascia 12-19 e di appena 7 punti percentuali, che scendono a meno di 5 contando solo una dose somministrata

#3 Milano è terzultima per percentuale di vaccinati tra le città capoluogo lombarde 

Credits Infolab Il Sole24ore – Completamente vaccinati per comune in Regione Lombardia

Nel Comune di Milano è vaccinato completamente il 78,33% della popolazione, una percentuale che posiziona la città al terzultimo posto tra gli enti capoluoghi di provincia della Regione Lombardia. I dati nel dettaglio:

  • la città con la più alta percentuale di cittadini che hanno ricevuto entrambi le dose o il vaccino monodose è Pavia con l’84,18%, a seguire Lodi con l’83,84% e Bergamo con l’82,41%;
  • sopra quota 80% c’è anche Lecco, Monza, Brescia e Sondrio rispettivamente con l’82,04%, 81,28%, 81,27% e 80,63%;
  • sotto questa soglia troviamo Varese con il 78,52%, Cremona con il 78,39%, Milano con il 78,33%, Mantova con il 77,58% e ultimo Como con il 77,50%;

Continua la lettura con: Europa: RECORD di CONTAGI GIORNALIERI dall’inizio della pandemia

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità