Le PALESTRE in PROTESTA: il 20% riapre per non chiudere per sempre

Una palestra su tre rischia di scomparire

Credits: iltirreno.gelocal.it

Il perdurare dell’emergenza pandemica ha messo in ginocchio molti settori. Tra questi, le palestre sono sicuramente tra le più colpite. Dopo mesi di chiusure e senza certezze, alcune di loro hanno deciso di ripartire sfidando la legge, come segno di protesta e come grido disperato.

Le PALESTRE in PROTESTA: il 20% riapre per non chiudere per sempre

# Una palestra su tre rischia di scomparire

Credits: veronasera.it

I gestori sportivi hanno voluto manifestare la grave situazione che stanno vivendo attraverso riaperture non consentite. Dopo più di un anno, il 30% delle palestre rischia di scomparire se continuerà a non lavorare o non ricevere aiuti concreti. Quindi, il messaggio è la volontà di ripartire in sicurezza. In seguito alle manifestazioni contro i decreti anti Covid-19 in varie piazze italiane, il 20% delle palestre in Italia ha lanciato un segnale forte a tutte le istituzioni: meglio prendere una multa che continuare a restare chiusi. Un invito anche a tutti gli sportivi di tornare a frequentarle, in completa sicurezza, per ridare ossigeno a tutti i lavoratori delle strutture in questione.


# Le palestre sono luoghi sicuri

Credits: cronachemaceratesi.it

Giampiero Guglielmi, il presidente dell’Associazione Nazionale Palestre e Lavoratori Sportivi (ANPALS), ha parlato di queste stime preoccupanti e comprende la situazione di disagio dei titolari. Afferma anche che, per aiutarli, sarebbe necessario valutare le riaperture seguendo le norme e i protocolli del CTS. Con un sistema di prenotazioni e registro delle entrate, le palestre rimarrebbero luoghi sicuri, controllati e privi di assembramenti. Un buon compromesso per aiutare famiglie in difficoltà e, allo stesso tempo, non sottovalutare la diffusione della pandemia. Il presidente Guglielmi, inoltre, dichiara che ci sono molti altri luoghi, meno controllati, in cui è più facile contrarre il virus rispetto ad una palestra. Se non si troverà un accordo sulle aperture, neanche gli aiuti avranno modo di alleggerire questa situazione. I dati mostrano che i ristori previsti per i gestori sportivi spesso non riescono a coprire nemmeno l’affitto mensile del locale. La speranza è che il gesto di protesta getti nuova luce su un problema già noto da tempo, portando questa volta soluzioni concrete.

Fonte: ansa.it

Continua a leggere con: Uno studio internazionale: i LOCKDOWN non salvano vite e non riducono i contagi

MATTEO GUARDABASSI



Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo#Madrid#Berlino#Ginevra#Basilea#SanPietroburgo#Bruxelles #Budapest#Amsterdam#Praga#Londra#Mosca#Vienna#Tokyo#Seoul#Manila #KualaLumpur#Washington#NuovaDelhi#HongKong #CittàDelMessico#BuenosAires#Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.