Il Ministero stoppa i lavori al MONTE STELLA. Maran: “Grave che un Ministro si arroghi il diritto di commissariare Milano”

Nuovo scontro di poteri tra Milano e organi dello Stato. Ancora una volta è il Comune a soccombere. 

L’amministrazione di Milano si sta ancora leccando le ferite per il blocco dell’aumento dei biglietti stabilito dalla Regione che arriva un altro brutto colpo, stavolta da Roma. Il tema è sempre quello: la scarso o nullo potere decisionale del Comune su Milano. 

Leggi anche: Dopo lo stallo su navigli e biglietti anche Sala si è convinto: Milano deve avere più potere

Il casus belli sono i lavori al giardino dei giusti sul Monte Stella. Si tratta di un progetto elaborato a lungo e dopo l’approvazione finalmente avviato seppur tra molte polemiche. Sembra una classica decisione di competenza dell’amministrazione della città ma ancora una volta ci si è accorti che il Comune non ha libertà sulla città. O, meglio, il vero potere a Milano ce l’hanno lo Stato e la Regione. 

Leggi anche: Il Ministro contro i Navigli riapre la questione: di chi è Milano?

Perfino i lavori in un parco cittadino possono venire bloccati se il governo non è d’accordo. Questo è accaduto con la sospensione dei lavori per ordine del Ministero dei Beni Culturali. Non si conosce la motivazione ufficiale, ma subito si è alzata la protesta di Pierfrancesco Maran, assessore all’urbanistica che si era fatto carico del progetto. 

Altro che autonomia differenziata, Milano è in balia dell’ego ideologico dei Ministri. Ed è una vergogna” è l’attacco del post pubblicato sulla sua pagina. 

La sua conclusione è netta: “Non è grave solo il fatto in sé, legato al giardino dei giusti, è grave che un Ministro si arroghi il diritto di commissariare Milano (Comune, Sovrintendenza, ecc) per un pugno di voti.
A Milano c’è stato un dibattito ampio, favorevoli e contrari, e poi si è deciso. Siamo maturi abbastanza da prendere scelte sulla nostra memoria senza essere commissariati”.

Il Governo e le opposizioni negano che ci sia una motivazione politica o ideologica alla sospensione dei lavori, ma invece rilevano irregolarità nel progetto.

Nei commenti al post di Maran c’è chi sottolinea la vera questione in questa come in altre vicende: una città che produce oltre il 10% della ricchezza nazionale, ma non ha neppure l’autonomia di poter decidere il prezzo dei biglietti del bus o i lavori in un suo parco cittadino. E la soluzione per molti è solo una

MILANO CITTA’ STATO

Leggi anche:
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

Come In Un Bosco