The Milaneser: Milano onirica, immaginaria, allucinata

"The Milaneser: la città che stiamo diventando"

0

Un tetris visionario da cui emerge una Milano onirica, immaginata, allucinata, con i suoi monumenti più celebri e i suoi angoli meno conosciuti grazie all’opera di grandi nomi e talenti emergenti.

Milano città stato è anche su Youtube: clicca qui per il canale con i video su Milano. Iscriviti: ti aspettiamo

The Milaneser: Milano onirica, immaginaria, allucinata

# 137 illustratori danno vita al libro “The Milaneser: la città che stiamo diventando”

The Milaneser

137 illustratori, dai grandi nomi ai talenti emergenti, chiamati a raccontare la loro Milano: luoghi, persone, simboli , attitudini “perché Milano è anche uno stato d’animo“. 137 immagini di Milano, 137 emozioni differenti raccolte nel libro “The Milaneser: la città che stiamo diventando”. Un progetto creativo – nato nel 2020 dall’idea di Lara Aldeghi, copywriter, e Stefano Lionetti, art director e partner di ZetaLab, studio di comunicazione visiva con quartier generale nel quartiere Isola- che racconta Milano attraverso le copertine di una rivista immaginaria, The Milaneser, che si ispira per grafica ed estetica alla storica rivista New Yorker alle sue celebri copertine, arricchita da approfondimenti, commenti e contributi speciali di Chiara Alessi, Gianni Biondillo, Giovanna Castiglioni, Luca Misculin e Davide Oldani.

# Un tetris visionario

The Milaneser

“Milano è una città in continua evoluzione, ricca di cultura, arte e storia, e si voleva trovare un modo originale per raccontarla, accogliendo un repertorio di voci polifoniche, di interpretazioni e sguardi differenti”, ci racconta Roberto Di Puma, socio Fondatore e Presidente di FBM, un’impresa culturale e creativa nata nel 2015 dal recupero della Cartoleria e Tipografia Fratelli Bonvini Milano, storica bottega fondata nel 1909 in via Tagliamento, Scalo di Porta Romana, che ha abbracciato fin dall’inizio il progetto con un approccio di partnership attiva e di valore, dove è possibile scoprire e acquistare il libro e le singole copertine illustrate.
Si comincia con Feeling like Eustace Tilley, di Hikimi (pseudonimo dell’illustratore torinese Roberto Blefari) un omaggio al primo numero del New Yorker (la caricatura di un dandy) declinato in salsa meneghina, con un tocco di ironia: sullo sfondo del Duomo con i palmeti, un piccione vestito fashion passeggia come un turista.

The Milaneser – Dalla

Geniale la copertina in stile pop art con le scatolette Ossobuco Rice di Mambo Tattoer (nome d’ arte del tatuatore milanese Mattia Calvi ) ispirata alle iconiche Campbell’s Soup realizzate nel 1962 da Andy Warhol. La visione della città per Nazario Graziano è la Milano che fatica che già la dice lunga, con il faccione di Lucio Dalla, il grande cantautore bolognese che ha saputo descrivere attraverso una canzone la Milano negli anni 70 con tutte le contraddizioni, tra l’affettuoso e lo spietato.

I Libri di Milano Città Stato a casa tua: scopri come fare
Chiosco – The Milaneser

Per l’illustratrice Chiara Vercesi Milano è il chiosco di Valeria aperto tutta la notte in piazza Fusina, conosciuto anche come Le Luride, un panino dalle Luride sono una certezza nella notte milanese. Come quello completo con salamella, peperoni, cipolla, salsa della casa, formaggio, insalata. Nella illustrazione di Andrea Bozzo Milano è la Vincenzina di Enzo Jannacci davanti ai cancelli della fabbrica chiusa.

The Milaneser

Milano è come una cipolla per lo chef Davide Oldani che ricorda che per lui nato e cresciuto a Cornaredo, Milano era il viaggio con papà Bruno, operaio tessile, quando lo portava in gita in piazza Duomo. “Milano la capisco solo a piedi. Sarà perché non ho la patente, ma non è che mi hanno bocciato all’esame di guida: proprio non l’ho mai voluta fare, a Milano non serve guidare!”, afferma Gianni Biondillo, scrittore di gialli e architetto. Milano l’è una cadrega (una sedia), afferma Chiara Alessi, saggista esperta di design. E’ un sellino della bici, il basamento della statua di Vittorio Emanuele II in piazza Duomo “per i culi dei turisti stanchi”.

E ancora: la Milano degli stereotipi di Fabrizio Morra, di cui sorridere ma c’è un errore volutamente inserito dall’autore da trovare e metterà alla prova la milanesità del lettore. E, sfogliando le 221 pagine del The Milaneser si arriva all’ultima immagine: un funambolo che cammina su un cavo d’acciaio perché, scrive nella sua illustrazione Andrea Banfi, vivere a Milano “significa cercare di stare in equilibrio su un filo che tiene unite tante cose la vita, il lavoro, gli affetti, la partecipazione, gli eventi, con la sensazione di esser sospesi in un vuoto ma che in realtà e pieno di tutto quello che la città offre. E come per un funambolo, l’unico modo per riuscirci è mettersi in movimento

Continua la lettura con: La LIBRERIA ESOTERICA più grande d’Italia si trova a MILANO: la sua storia e le curiosità 

CRISTINA TIRINZONI

Milano città stato è anche su Youtube: clicca qui per il canale con i video su Milano. Iscriviti: ti aspettiamo

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


Articolo precedenteIl sole sorge a Milano ovest: i progetti più attesi entro il 2030 per rilanciare zona San Siro e dintorni
Articolo successivoUn’ora sola a Milano: dove si va?
Cristina Tirinzoni
Giornalista professionista di lungo corso, ho cominciato a scrivere per testate femminili (Donna Moderna, Cosmopolitan, Effe, Donnainsalute) occupandomi di psico benessere, attualità, cultura. Curiosa, ho sempre cercato di raccontare e capire il mondo e l'animo umano. Con la voglia di sapere, di approfondire, sospinta dalla brezza del dubbio, e di sdrammatizzare un po' con l' ironia. Ho pubblicato due libri di poesie Sia pure il tempo di un istante (Neos edizionii) e Come un taglio nel paesaggio (Genersi editore)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome