Quel pasticciaccio brutto della CICLABILE di BUENOS AIRES: “ha generato il caos, bisogna toglierla”. La protesta dei commercianti

Materia del contendere è sempre lei, l'infrastruttura più divisiva di Milano: la "famigerata" ciclabile di corso Buenos Aires

Credits: www.7giorni.info

Ormai siamo al tutti contro tutti. Materia del contendere è sempre lei, l’infrastruttura più divisiva di Milano: la “famigerata” ciclabile di corso Buenos Aires. Esplode la protesta dei commercianti: oltre l’80% chiede di toglierla. Furiosi anche gli automobilisti. Ma c’è chi la difende. Vediamo le ultime notizie. 

Quel pasticciaccio brutto della CICLABILE di BUENOS AIRES: “ha generato il caos, bisogna toglierla”. La protesta dei commercianti

Per il 92% dei commercianti ha peggiorato il traffico, l’81% chiede di toglierla

Credits: www.mitomorrow.it

Sondaggio di Confcommercio tra le 136 attività di Corso Buenos Aires. Per il 92% ha avuto un impatto negativo sul traffico. Per il 55% anche sugli affari. L’81% chiede che venga tolta. I commercianti chiedono a gran voce che il Comune riveda i piani di sviluppo delle ciclabili e quanto meno sposti suddetta pista ciclabile in altra sede. Gabriel Meghnagi, il Presidente della Associazione ”Ascobaires” che raccoglie la voce dei commercianti del Corso meneghino, denuncia: “ha generato caos” e chiede “un passo indietro riguardo la pista che piace solo a chi usa la bicicletta” e, pare, non sia supportata anche da molte persone che prediligono la mobilità alternativa alle auto ma che ritengono le nuove piste estremamente pericolose.


“Spostarla nelle vie parallele”

Credits: mianews.it

I commercianti chiedono alla Giunta un tavolo di confronto tramite il quale possano essere ascoltati. La loro richiesta è di spostarla nelle vie parallele. Non solo l’ubicazione delle piste ma anche la modalità con la quale sono segnalate e non protette, vedi il caso in cui molte centinaia di metri sono delimitate da strisce disegnate e che utilizzano i mezzi parcheggiati come delimitazione fisica tra chi pedala e chi guida un mezzo, oppure il grande problema del carico e scarico merce con l’impossibilità, anche per pochi secondi, di poter lasciare un mezzo in doppia fila, insomma un insieme di più inopinabili ragioni che mettono a dura prova qualunque difesa venga mossa nei confronti dei lavori tanto voluti dall’Assessore Granelli e supportati da tutta la giunta Sala.

Una pista che si snoda da Piazza San Babila e Villa San Giovanni che idealmente dovrebbe alleggerire il traffico cittadine ma che al momento sta gettando nel caos l’intera zona. A questo va aggiunto il fatto che il traffico, quello vero e endemico di Milano non è ancora ripartito ma che, sperando in una ripresa delle attività a pieno regime, potrebbe portare Milano stretta in una morsa inimmaginabile.

Anche molti cittadini denunciano la ciclabile. C’è chi chiede di eliminarla e chi di rivederla, “vanno tolti i parcheggi, la ciclabile va messa a fianco del marciapiede“, dice Cesare D. 



In generale molti cittadini denunciano questa corsa a costruire ciclabili spesso viste come iniziative di greenwashing, realizzate solo per motivi ideologici. Ma che creano un effetto opposto a quello desiderato, ingolfando il traffico, aumentando l’inquinamento e venendo spesso evitate dagli stessi ciclisti perchè abbozzate e costruite a volte in modo approssimativo o perfino pericoloso. 

Ma c’è chi si schiera per la ciclabile

Credits: fanpage.it – Ciclabile Viale Monza

Si è alzata anche una levata di scudi per difendere la ciclabile. La voce più forte delle ultime ore è quella del blog UrbanFile che dichiara “la ciclabile di Buenos Aires non si tocca!“.  Gran parte dei commenti dei lettori condividono la posizione del blog che difende in primis gli utilizzatori di biciclette e monopattini che hanno trovato nel nuovo tracciato un valido supporto ai loro spostamenti.

Si spera ovviamente si arrivi al più presto ad un tavolo di discussione dove all’approccio ideologico si preferisca un dibattito aperto e sincero che possa portare quanto prima a soluzioni gradita a tutti, bikers, commercianti e abitanti del quartiere e non solo.

Continua la lettura con: la ciclabile di Porta Venezia

ROBERTO BINAGHI

Riproduzione vietata al sito internet che commette violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte   

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)   

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteA Milano arriva la PESCA COL MAGNETE: cos’è il Magnet Fishing
Articolo successivoLa prima CITTÀ SUBACQUEA del mondo: progettata da un ITALIANO
Roberto Binaghi
Nato a Milano il 25 agosto 1965. Sin da bambino frequento l’azienda di famiglia (allora una tipografia, ora azienda di comunicazione e stampa) dove entrerò ufficialmente a 17 anni. Diplomato Geometra all’Istituto Cattaneo a 27 anni e dopo aver abbandonato gli studi grafici a 17, mi iscrivo a Scienze Politiche ma lascio definitivamente 2 anni dopo per dedicare il mio tempo libero alla famiglia e allo sport. Sono padre di Matteo, 21 anni, e Luca, 19 anni. Sono stato accanito lettore di quotidiani e libri storico-politici, ho frequentato gruppi politici e di imprenditori senza mai tesserarmi, per anni ho seguito la situazione politica italiana collaborando anche con L’Indipendente allora diretto da Vittorio Feltri e Pialuisa Bianco (1992-1994). Per questioni di cuore ho iniziato a seguire il mondo del basket dilettantistico ricoprendo il ruolo di dirigente della società Ebro per oltre 10 anni e della Bocconi Basket FIP dal settembre 2019 (ruolo che ricoprirò anche per la prossima stagione). Nel corso degli anni ho contribuito allo sviluppo di alcune start-up e seguito alcuni progetti di mia ideazione che hanno come obiettivo la rivalutazione del patrimonio meneghino oltre che un chiaro interesse sociale.