I SENTIERI SPONTANEI di Milano

Un reportage del blog urbanfile mette in luce il fenomeno dei sentieri spontanei di Milano: ecco quali sono


Indeterminabili nella datazione, i sentieri urbani spontanei sono quei percorsi che le persone, in maniera naturale, trovano senza la guida di nessuno solcando i prati erbosi. Indecisi se sono lì da sempre, oppure se il fenomeno è della notte precedente, i sentieri spontanei sono dappertutto. Grazie al reportage di UrbanFile scopriamo quelli milanesi.

I SENTIERI SPONTANEI di Milano

# Prendere un sentiero con filosofia

Credits: UrbanFile

Innanzitutto precisiamo che parliamo di percorsi cittadini che si trovano su spazi verdi, ovvero tutti quei sentieri che sono nati spontaneamente, laddove le persone hanno iniziato a solcare i prati erbosi. Il costante camminamento ha reso la terra così battuta da impedire la ricrescita dei fili d’erba.
Sono ovunque: nei nostri prati, nei parchi, accanto alle aree commerciali. Alcuni sono lì da sempre, altri sono stati “creati” successivamente alle riqualificazioni urbane.


In linea di massima ci sono tre modi per andare la punto A al punto B. Quello preferito da ognuno, rivela molto anche rispetto la filosofia di vita individuale.

Leggi anche: Passeggiare tra TORRENTI e CASCATE: i 5 percorsi più BELLI e più FRESCHI della Lombardia

# Percorso migliore vs. percorso più veloce

Credits: UrbanFile

Il tracciato in linea retta è il quello migliore?
Non è detto, è senza dubbio il più veloce, quello che permette di risparmiare tempo e fatica, a scapito però di qualcos’altro.
Una traiettoria tortuosa, invece, potrebbe essere a dir poco necessaria a causa di ostacoli sul terreno o altri motivi. Una via sinuosa e tortuosa permette però di ammirare più particolari, la cui vista è preclusa se si va di fretta.



C’è poi la terza filosofia di vita: quella degli urbanisti, paesaggisti cui piace progettare col goniometro le stradine che attraversano i parchi e le aree verdi pubbliche. Questa progettazione, in parte, viene bene. In determinate circostanze può succedere di tutto.

Leggi anche: Il NUOVO SENTIERO tra i VIGNETI a due ore da Milano: l’alternativa “alcolica” al cammino di Santiago

# Traiettorie imprevedibili di Milano

Credits: UrbanFile

Il blog UrbanFile ha raccolto una serie di traiettorie imprevedibili che il cammino dei milanesi ha tracciato in numerose aree verdi. Alcuni nati a dispetto di progetti ambiziosi, come BAM, la Biblioteca degli Alberi.
Perfino nella nuovissima BAM, il frettoloso passo milanese, ha tracciato una scorciatoia da A a B per tagliare fuori un “gomito” creato dagli architetti. Nei pressi del “nuovo centro cittadino” c’è un sentiero di questo tipo in Piazza Einaudi.

La paradossale madre di tutti questi sentieri spontanei sembra essere, a ragion veduta, quella salita dall’aiuola di Piazza Castello e che va al Parco Sempione, passando per il Rivellino del Santo.
Spontaneamente le persone lasciano quell’aiuola per salire verso il Castello Sforzesco, tracciando un sentiero che, sia a piedi che in bici, ha decisamente più senso rispetto a quello che vorrebbe farci fare l’architetto.

All’interno del Parco Sempione, biciclette e camminate hanno tracciato altri sentieri, alternativi ai percorsi principali.

# Sia dentro che fuori dalla circonvalla

Credits: UrbanFile

Questo fenomeno si può trovare sia in centro che in periferia, non è legato ai luoghi più frequentati, è proprio una probabilità universale: le persone si scelgono il percorso migliore, tagliando dal prato.
A volte così sfacciatamente che il Comune ha dovuto sistemare, come nel caso di Ludovico il Moro – nei pressi di San Cristoforo – su un tratto in cui è comparsa una pavimentazione in pietra che permette un riparo dal “picio pacio”.

Credits: UrbanFile

Altri esempi sono in Piazzale Accursio, al Parco di Trenno o a San Siro, al Taliedo, Adriano o Porta Venezia. UrbanFile segnala come pericoloso l’attraversamento che da Viale Brianza spunta in Loreto. La conformazione che assume oggi la viabilità, porta i pedoni a trovare uno sbocco che li espone a rischio di un attraversamento mai considerato, quindi senza tutele. L’auspicio è che – come nel caso del Castello e la sua imminente sistemazione generale – anche in Loreto angolo Viale Brianza, la riqualificazione annunciata sia focalizzata anche a mettere in sicurezza questo punto.

Credits: UrbanFile– Attraversamento Loreto > Viale Brianza

# Vietato calpestare le aiuole

Farbsyinthese by Pixabay

I cittadini che “tagliano” attraverso il prato, non lo fanno per prendersi gioco degli urbanisti, assecondano un istinto atavico di cui i progettisti dovranno tener conto in futuro.

Inutile imporre il percorso da fare a piedi, così come ridicoli divieti a calpestare le aiuole: gli esseri umani hanno creato così tutti i sentieri che poi hanno fatto sviluppare commerci e scambi: percorrendo la via migliore. Questo è capitato camminando a volte in linea retta, il più delle volte quella semplicemente più naturale, che asseconda le imperfezioni del terreno battuto. E a meno che non intervengano ragioni di superstizione, continueranno a fare ciò che è nella loro natura.

Se sembra degrado, è solo da riprogettare meglio, ma chissà cosa succederebbe se si decidesse di unire idealmente tutti questi sentieri spontanei: si vedrebbe il sistema circolatorio di Milano?

Fonte: Blog.UrbanFile.org

Continua la lettura con: I 7 MIGLIORI PERCORSI per CORRERE a Milano

LAURA LIONTI

Copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità


Articolo precedenteDomenica di RELAX: come si dice a Milano?
Articolo successivoDove si mangiano i 10 PANINI più BUONI di Milano
Tecnico del suono milanese, nata da milanesi importati dalla Sicilia. Il mio quartier generale è sempre stato il Gallaratese con i suoi giardini e il verde, difeso a volte a spada tratta. Sogno che Milano si candidi a luogo ideale per creare un laboratorio a cielo aperto che ricerchi e trovi la soluzione per le Smart Cities, Città e comunità sostenibili: obiettivo 11 degli SDGs