Il PARCO GIOCHI più bello della Lombardia è a Milano

Un chilometro di parco giochi

2
4
Credits: metrom4.webuildgroup.com Parco Angonne

Con l’apertura delle prime sei fermate della M4 è stato inaugurato uno dei parchi giochi più belli della Lombardia.

Il PARCO GIOCHI più bello della Lombardia è a Milano

Viale Argonne, una delle direttrici storiche di Milano, è stato protagonista di un progetto di riqualificazione che ha coinvolto la superficie, ma anche il sottosuolo. Sotto: il passaggio sotterraneo della nuova metro blu. Sopra: uno dei parco giochi più belli della Lombardia.

# Un chilometro di parco giochi

Credits: booking.com
Parco Argonne

Oggi è impossibile pensare di realizzare un’opera, soprattutto in una grande città, senza considerare l’impatto che ha dal punto di vista della sostenibilità ambientale e della qualità della vita delle persone, come racconta il responsabile di progetto Giovanni Pirro. Per questo, quando si è deciso di realizzare la fermata della metropolitana Argonne, si è dovuto pensare anche a come riqualificare l’area in superficie. Il viale è stato così diviso da un grande parco giochi per tutti i gusti e per tutte le età. Realizzato da Webuild, lo stesso gruppo che sta costruendo la M4, il parco giochi di viale Argonne è lungo circa 1 km e è affiancato da strade che corrono in entrambi i sensi, da una parte del parco un senso di marcia, dall’altra l’altro.

# Campetti da calcio, pallavolo, basket e persino bocce

Credits: metrom4.webuildgroup.com
Parco Angonne

Il parco prevede giochi per tutte l’età: ha uno spazio dedicato ai bambini da 0 a 3 anni e altri per bambini più grandi, ma c’è anche un campetto da calcio di 29 metri e uno dove è possibile giocare a basket e a pallavolo. Come riferisce l’ingegnere Giovanni Pirro che ha seguito la riqualificazione dell’area, niente è stato lasciato al caso. Nel parco giochi c’è anche un campo di bocce, spazi dedicati con tavoli da ping pong e un’area fitness (qui ogni attrezzo è affiancato da un QR Code che permette di scaricare una guida per gli esercizi).

Credits: metrom4.webuildgroup.com
Parco Argonne

Il parco parte da Piazzale Susa e tutte le aree sono recintate, così da permettere ai bambini di giocare tranquilli e in sicurezza. Tutta la striscia è poi costeggiata da una pista ciclabile, dove però i bambini possono anche giocare con monopattini e roller. Non mancano ovviamente tavoli e panchine dove potersi rilassare.

Continua la lettura: Questa è “la SPIAGGIA più BELLA del mondo” (e quelle che insidiano il suo primato)

BEATRICE BARAZZETTI

copyright milanocittastato.it

 

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

 

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


Previous articleGli INCANTEVOLI BORGHI dell’ENTROTERRA LIGURE che sfidano la COSTA AZZURRA
Next articleL’APERITIVO più REGALE di Milano dal sapor di SICILIA
Nata nel 1999, mentre studio Economia e Turismo scopro il mondo. Sono una sognatrice ambiziosa, solare e sempre pronta a mettermi in gioco.

2 COMMENTS

  1. Sicuramente un bellissimo progetto, ma i campi misti sono un’utopia: dove c’è una porta da calcio mai nessun altro sport potrà essere praticato senza entrare in conflitto.
    Ma ora veniamo alle note dolenti, campi aperti anche di notte, spazi di aggregazione, bel tempo, sapete cosa vuol dire? Vuol dire che c’è gente che gioca a basket alle 2, alle 3, alle 6 del mattino, vuol dire che la palla che sbatte sul tabellone del canestro la senti anche se abiti al quinto piano (e magari facciamo esercizio di tiro o una bella sfida 1 contro 1 con anche un po’ di musica riprodotta da uno bello speaker potente) , vuol dire che non puoi più tenere una finestra aperta, se vuoi dormire.
    E le panchine?
    Ovviamente popolate da gente che beve e schiamazza….

    E ma non siete mai contenti……
    Non è vero, come ho detto bel lavoro, ma sono state considerate le conseguenze? Sicuramente si e tutto si sarà risolto con un: ma sì, il lavoro è bello, ci saranno delle conseguenze, ma non sarà un problema nostro, fra 3 o 4 anni qualcuno penserà a come e se risolverlo (come il problema dei posti auto eliminati, da qualche altra parte riusciranno a parcheggiare).

Comments are closed.