I 7 MOTIVI perché Milano NON si può considerare una METROPOLI INTERNAZIONALE

Ecco le principali motivazioni che la mettono in secondo piano nella competizione globale

Credits: wired.it

Le principali motivazioni che mettono Milano in secondo piano nella competizione globale.

I 7 MOTIVI perché Milano NON si può considerare una METROPOLI INTERNAZIONALE

#1 Arredo urbano senza una logica e spesso in pessimo stato

Credits: Urbanfile – Palificazione Porta Ticinese

L’arredo urbano è una delle noti più dolenti per l’estetica di Milano. L’asfalto sui marciapiedi è spesso rovinato perché di scarsa qualità, i paletti dissuasori sovente divelti e arrugginiti oltre a essere di fattezze diverse nella stessa via, i cartelli stradali si moltiplicano ad ogni aggiornamento del codice della strada e la palificazione è compulsiva. Si veda nella foto Piazza 24 Maggio riqualificata solo qualche anno fa: si contano ben 83 semafori e si supera il centinaio di pali contando quelli dell’illuminazione pubblica e della segnaletica stradale.


#2 Sindaco senza alcun potere e la città con il più alto residuo fiscale al mondo

Credits: dayitalianew.com

Milano è l’unica tra le metropoli mondiali a non avere un briciolo di autonomia, gestionale o finanziaria. Il Sindaco non ha l’ultima parola nemmeno sulla scelta di riaprire i Navigli o sulla modifica di un parco pubblico perché questa è in capo alla Soprintendenza centrale di Roma. Inoltre le risorse per gli investimenti pubblici sono ridotte al minimo perché, nonostante Milano produca oltre il 10% del Pil nazionale, la nostra città riceve indietro dallo Stato solo l’1% di quanto versa: 450 milioni a fronte di oltre 40 miliardi di tasse. Si tratta del residuo fiscale più grande al mondo. 

Leggi anche: I dieci effetti di Milano città stato più votati dai milanesi: al primo posto portare Milano a livello delle PRIME AL MONDO

#3 Illuminazione scarsa e brutta, soprattutto in centro storico e nei pressi di palazzi e monumenti storici

Credits: Urbanfile – Milano al buio

Le nuove zone riqualificate della città possono giovare di un’illuminazione diffusa e con impianti ad alta efficienza. Lo stesso non si può dire per tutto il resto di Milano, iniziando dal centro storico dove vie e piazze scarsamente illuminate sono la prassi, così come molti palazzi storici e monumenti sono tenuti al buio. Senza considerare la scarsa qualità dell’illuminazione a Milano se raffrontata alla cura per le luci che hanno le grandi metropoli internazionali. 



#4 Trasporto pubblico non integrato tra metropolitana e ferrovia suburbana

Mappa ATM 2021

Uno piccolo sforzo, almeno visivo, è stato fatto con la nuova mappa Atm in cui sono ben visibili il passante e tutte le linee suburbane. Purtroppo l’integrazione reale non c’è ancora e soprattutto i due sistemi di metro e passante, gestiti da due società di trasporto differenti, risultano ancora due infrastrutture di trasporto a se stanti. Al contrario di quanto accade a Berlino con le S-Bahn o a Parigi con la RER. Altrove i trasporti tra città e hinterland trovano una strategia unitaria. 

Leggi anche: La NUOVA MAPPA della METRO: le 4 novità e che cosa manca per essere perfetta

#5 Mancano i grandi parchi e il verde per abitante è troppo poco e poco valorizzato

Credits: shakespeare_hotel IG – Hyde Park Londra

Nella classifica delle città lombarde Milano è penultima tra quelle con più verde ogni abitante con 17,9 mq. Fatto salvo il quadrante di San Siro ci sono solo due parchi di grandi dimensioni in città: il Parco Sempione e i Giardini Indro Montanelli, comunque piccoli per gli standard delle altre metropoli, a seguire quello di Citylife e la Biblioteca degli Alberi. Nulla a che vedere con il Prater di Vienna o l’Hyde Park di Londra. Nell egrandi città del mondo, inoltre, gli spazi verdi sono più valorizzati e vivi, spesso sono il centro di attività creative e un punto di riferimento costante per i cittadini. 

#6 La debolezza politica: nessun ente regolatorio nazionale o internazionale ospitato in città

Credits: milano.repubblica.it – Possibile Sede Tribunale dei Brevetti

Persa la sfida per EMA, l’Agenzia Europea per il farmaco assegnata ad Amsterdam dopo il sorteggio in cui Milano partiva da favorita, la nostra città non ospita alcune ente regolatorio internazionale. Persino a Parma ha sede un’Agenzia Europea, quella che si occupa della sicurezza alimentare. Nel dopo Brexit Parigi si è presa l’EBA, l’Autorità Bancaria Europea, e anche per il Tribunale dei Brevetti Milano rischia di perdere l’occasione di ospitare una sede di rilevanza strategica: la candidatura è inviata ma al momento le funzioni del Tribunale sono state suddivise tra Parigi e Monaco. A differenza delle grandi città del mondo, poi, è clamorosa la debolezza di rappresentanza politica di Milano. Nessun ente di rilevanza nazionale, nessuna rappresentanza ufficiale della grande Milano nei luoghi che contano in Europa. 

Leggi anche: 🔴 Tribunale dei BREVETTI: la PRIMA BEFFA per Milano. Sede provvisoria assegnata a Parigi e Monaco

#7 Come conoscenza dell’inglese i milanesi sono lontanissimi delle altre metropoli europee

Credits: valetinapicciani.it

L’area metropolitana che parla meglio l’inglese in Italia è quella di Milano. Purtroppo però, nonostante sia il più importante centro finanziario italiano, la nostra città si attesta alla 35esima posizione, lontanissima non solo dalle città baltiche, ma anche da Berlino, Parigi, Madrid e Lisbona.

Leggi anche: I 10 ERRORI più comuni che i MILANESI fanno quando parlano in INGLESE

Continua la lettura con: 7+1 motivi per cui MILANO è PROVINCIALE

MILANO CITTA’ STATO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 


1 COMMENTO

  1. Al 5° punto affermate: “Fatto salvo il quadrante di San Siro ci sono solo due parchi di grandi dimensioni in città: il Parco Sempione e i Giardini Indro Montanelli, comunque piccoli per gli standard delle altre metropoli, a seguire quello di City life e la Biblioteca degli Alberi”.
    Avete dimenticato il Bosco in Città, il Parco di Trenno e il Parco delle Cave, il Forlanini. Questi, uniti ai precedenti, fanno di Milano una delle città più “verdi” d’Italia. Sicuramente.
    Altrettanto sicuramente mal distribuito, in quanto concentrati in alcune parti della città.
    Ad onor del vero!!!

Comments are closed.