GRATIS a Milano: 7 DESIDERI da realizzare SENZA PAGARE

GRATIS a Milano: 7 DESIDERI da realizzare SENZA PAGARE

Credits amabiliasuites IG - Appartamento vista Duomo

In un sondaggio sulla fanpage di Milano Città Stato abbiamo chiesto: “Che cosa vorresti gratis a Milano?“. Vediamo il settebello di proposte più desiderate.

GRATIS a Milano: 7 DESIDERI da realizzare SENZA PAGARE

#1 Un appartamento vista Duomo

Credits amabiliasuites IG – Appartamento vista Duomo

Avere un appartamento con vista Duomo è probabilmente il sogno di molti milanesi. Svegliarsi e vedere dalla finestra il simbolo della città non ha prezzo e per questo dovrebbe essere gratis.


#2 L’acqua al bar quando si ordina il caffe

Credits Pexels-pixabay – Acqua e caffè al bar

A Milano se si vuole l’acqua dopo il caffè solitamente si paga. Si potrebbe fare come si usa soprattutto al centrosud e affiancare alla tazzina dell’espresso un bicchiere d’acqua gratuito.

#3 Il parcheggio

Credits: www.mentelocale.it

Trovare un parcheggio libero si rivela sempre un’impresa a Milano e quando si è fortunati l’unico spazio disponibile è a pagamento. Un fatto che accentua ancora di più il nervosismo degli automobilisti. Per rendere la vita un po’ più facile si potrebbero almeno aumentare il numero dei posteggi gratuiti.

#4 I mezzi pubblici 

Credits: @amilanopuoi Piazza Cordusio

Milano è la città con la più alta percentuale di utilizzatori del trasporto pubblico, ma si può sempre fare di meglio. Per renderlo ancora più appetibile si potrebbe renderlo gratuito, disincentivando contestualmente l’uso del mezzo privato e riducendo le relative emissioni inquinanti.



#5 I bagni pubblici 

Credits milanopost – Bagni pubblici

I bagni pubblici milanesi, oltre a essere pochi e soggetti a scarsa manutenzione, sono a pagamento. Visto che si non riesce ad offrire un buon servizio sarebbe opportuno fornirlo gratis.

#6 Una serata al mese alla Scala

Credits: @teatroallascala teatro alla Scala

Si dice che la cultura e la musica facciano bene all’anima e al corpo. Il Teatro alla Scala è uno dei luoghi più importanti di Milano dove questi due elementi si combinano, peccato che non sia per tutte le tasche. Per ovviare a questo problema il Comune di Milano potrebbe offrire una serata gratis al mese a ogni cittadino.

#7 L’abbonamento allo stadio

Credits: Andrea Cherchi – Stadio San Siro

I prezzi degli abbonamenti per vedere le partite sono sempre più alti e se dovesse essere realizzato un nuovo stadio c’è il serio rischio che le cifre crescano ancora. Le società dovrebbe offrire gratuitamente in abbonamento alcuni settori dello stadio per garantire a chi non se lo può permettere di godere della partite di Inter e Milan.

Continua la lettura con: SFIDA al DUOMO: qual è il SIMBOLO “ALTERNATIVO” di Milano

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Leggi anche: Renatino, il vero problema sono i pubblicitari che “leccano” il capo

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteLa MILANO delle CANZONI: com’è cambiata negli anni
Articolo successivoL’obbligo di terapia
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.