7 SITUAZIONI di vita quotidiana per capire che vi siete MILANESIZZATI

Se vi riconoscete in tutte queste sette situazioni allora non ci sono dubbi: siete milanesi o vi siete milanesizzati al 100%. Scopriamo quali sono


Se vi riconoscete in tutte queste sette allora o siete milanesi o vi siete milanesizzati al 100%. Scopriamo quali sono.

7 SITUAZIONI di vita quotidiana per capire che vi siete MILANESIZZATI

#1 Aperitivo senza cena


L’aperitivo sostituisce la cena. Come il brunch sostituisce pranzo e colazione. Si parte tra le 18 e le 19 e si beve un drink mangiando dagli antipasti al dolce offerti con generosità in qualunque locale di Milano. In questi casi la cena, per ovvi motivi, non è nemmeno lontanamente considerata.

Leggi anche: Posti top per aperitivo all’aperto

#2 Usi il diminutivo parlando di cibo 

Il milanese deve rendere personalizzare qualsiasi cosa, la sua sobrietà spesso lo porta a ridimensionare qualunque cosa, il milanese vero non vuole esagerare. Per questo quando parla di andare a prendere qualcosa da bere o da mangiare usa il diminutivo nelle parole: “stasera sushino” oppure “andiamo a farci un caffettino?”. 



#3 Abbrevi ogni parola. Il test chiave? La “circonvalla”

Credits: Urbanfile – Circonvalla Milano

Il milanese non ha tempo da perdere per questo è solito abbreviare i nomi, anche di cose. La prova del fuoco è la circonvallazione esterna: il milanese non la chiamerà mai per esteso, ma semplicemente “circonvalla”.

Leggi anche: I 3 segreti della circonvalla

#4 Metti l’articolo prima dei nomi di persona

A Milano i nomi di persona non possono essere pronunciati senza il loro articolo davanti, per questo Vanessa, diventa “la Vanessa”, Gianluigi diventa il “Gianlui”, Maria “la Maria” anche se più probabile sia un’altra cosa. 

#5 Cominci a lamentarti se l’autobus o la metro è in ritardo di 1 minuto rispetto al display 

L’efficienza dei trasporti di Milano è un vanto per tutti i suoi cittadini, per questo quando il display delle pensiline non conferma l’arrivo degli autobus o dei tram o vedono che la metropolitana tarda da arrivare, i milanesi iniziano a lamentarsi del pessimo servizio. Anche solo dopo pochi secondi. 

Leggi anche: Bastano 3 minuti e mezzo a un romano per innamorarsi di Milano

#6 Se sei in ritardo anche di soli 5 minuti ad un appuntamento avverti con un whatsapp

A Milano il tempo è una religione: ha un valore assoluto e tutti lo devono rispettare. Soprattutto quello degli altri. Per questo anche se si è in ritardo di pochi minuti manda un messaggio per scusarsi e farlo presente alla persona con cui si dovrà incontrare. Messaggio tipico: “sto cercando parcheggio“.

#7 Ti metti a destra sulle scale mobili per automatismo

Tenere la destra

Chi non è di Milano inizialmente lo fa per imitazione e, comunque, ci fa caso se non impegno. Ma se ti accorgi che su ogni scala mobile, che sia nella metro o in un centro commerciale, ti metti in automatico sul lato destro lasciando la parte sinistra libera a chi ha più fretta, allora non ci sono dubbi: sei milanese o lo sei diventato. 

Leggi anche: Le 5+1 REGOLE NON SCRITTE nella METROPOLITANA MILANESE

Ispirazione articolo da Berlino Magazine

Continua la lettura con: MILANESI vs PROVINCIALI: le 5 principali DIFFERENZE tra chi vive in città e chi sta nei dintorni

FABIO MARCOMIN

Riproduzione vietata ai siti internet che commettono violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte.

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteLa FOTO MAGICA che si può scattare a Milano solo UNA VOLTA l’ANNO
Articolo successivoLa paura delle opinioni diverse
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da 5 anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here