Sono i MILANESI a rendere grande MILANO: 50 mila REGALI per rendere più felice il Natale a chi è in difficoltà

Nato tutto da un appello di una mamma su Whatsapp si è arrivati a raccogliere oltre 50 mila scatole di Natale

Credits: milano.corriere.it

Il passaparola ha da sempre un potere incredibile anche se spesso sottovalutato. Nato tutto da un appello di una mamma su Whatsapp si è arrivati a raccogliere oltre 50 mila scatole di Natale in meno di un mese.

Sono i MILANESI a rendere grande MILANO: 50 mila REGALI per rendere più felice il Natale a chi è in difficoltà

# Le scatole della solidarietà

Credits: twnews.it

Tre settimane fa Marion Pizzato, l’ideatrice dell’iniziativa, costretta a restare a casa a causa della quarantena per la positività al Covid, ha letto che in Francia, suo paese d’origine, era iniziata un’iniziativa per aiutare i più bisognosi. La donna ha deciso di mettersi subito all’opera realizzando un volantino molto semplice ma efficace che rappresentava una scatola riciclata e il contenuto richiesto ovvero qualcosa che tenesse caldo, come dei guanti o delle calze ma anche prodotti di bellezza, del cibo o qualsiasi cosa che potesse essere utile. Una volta inviato il volantino via chat è successo l’inaspettato.


# Dalle 70 scatole per gli Amici di Don Palazzolo a oltre 50 mila

Credits: milano.repubblica.it/

Il fenomeno è diventato virale e nel giro di poche ore hanno cominciato ad arrivare numerose scatole con tutto ciò che era stato richiesto. La donna, stupita da ciò che stava accadendo, ha subito contattato gli Amici di Don Palazzolo che seguono indigenti e anziani. L’associazione ha chiesto ben 70 scatole ma nessuno si sarebbe mai aspettato che quelle 70 scatole sarebbero diventate oltre 50 mila nel giro di pochi giorni.

# 3 mila scatole a Pane Quotidiano e un nuovo magazzino per quelle future



Credits: corriere.it

La seconda chiamata è stata fatta all’associazione Pane Quotidiano, dove ogni giorno migliaia di persone si mettono in fila in attesa di cibo e un po’ di attenzione. Oltre 3 mila scatole sono state donate all’associazione ma al contempo la signora Marion, con la casa ormai colma di scatole, ha dovuto chiedere il permesso per lasciare nel pianerottolo del palazzo.  In suo soccorso sono arrivate la parrocchia Sant’Elena di San Siro e Santa Maria Nascente al QT8 che le hanno concesso dei locali come deposito.

# 140 associazioni pronte ad aiutare i bisognosi con le scatole della solidarietà

Credits: milanotoday.it

Ad oggi sono arrivate oltre 50 mila scatole ma sembrano non volersi fermare qui. Oltre 140 associazioni sono pronte a riceverle per donarle ai più bisognosi. Alcune di queste sono No Walls che si occupa di migranti, Progetto Arca che lavora con i senzatetto o Casa Suraya, Ceas e Banco Alimentare. Ancora una volta, in un momento di difficoltà che vede Milano, l’Italia e il Mondo in una situazione di pandemia inoltrata, la generosità, l’ingegno e la solidarietà, sono riuscite a prevalere sugli stati d’animo negativi che la pandemia ha portato. 

Fonte: Corriere

Continua la lettura con Ruba il pane al SUPERMERCATO. Invece di denunciarlo il direttore gli paga la spesa

MARCO ABATE

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore