Viaggio nel passato: 4 luoghi straordinari in Lombardia per rivivere la GRANDE GUERRA

La fortezza della Grande Guerra meglio conservata d'Europa e altri luoghi per rivivere le atmosfere della Prima Guerra Mondiale

Credit: @giuliosuper

In Lombardia la Grande Guerra ha 4 luoghi suggestivi che fanno capo a 2 tematiche principali: la linea Cadorna, che era un complesso di difesa dagli attacchi austro ungarici, con 72 km di trincee, 88 postazioni di artiglieria e 400km di mulattiere e la Guerra Bianca, o guerra di logoramento, al confine con il Trentino, che si combatté tra ghiaccio e neve.

Viaggio nel passato: 4 luoghi straordinari in Lombardia per rivivere la GRANDE GUERRA

# Percorso delle trincee sul Monte Generoso (CO)

Credit: @nic.ole_lo.he

Questo percorso si trova al confine con la Svizzera, siamo sul monte Generoso. Si parte dalla Dogana di Valmara (850mt), vicino a Pellio, in provincia di Como e attraverso dodici livelli di trincee si può fare un’esperienza unica tra la vita di trincea e paesaggi meravigliosi sui laghi di Como e Lugano.


Tra le tappe il Sasso Bové (m 1015) con la trincea vicina al cippo di confine, poi il sito militare delle Baracche (m 994), e in alto la trincea n° 8, che fungeva da Posto di Comando ed è la più grande e importante dell’itinerario, arrivando infine al Barco dei Montoni (m 1350).  Dislivello: mt 485 – Tempo di percorrenza: h. 4.30 

# Forte Montecchio Nord (LC): la fortezza meglio conservata della Grande Guerra in Europa

Credit: @fortemontecchio

Questo forte è la fortezza militare della Grande Guerra meglio conservata in Europa ed è una delle tante costruite all’inizio del Novecento lungo la linea Cadorna.

La fortezza è scavata nella roccia e si possono ancora visitare gli ambienti originali della caserma, l’armeria, la sala comando, gli alloggi degli ufficiali, i depositi delle munizioni, le officine e la sala macchine. Un tuffo nel passato dove il tempo si è fermato.



# Escursione al Monte Pravello (VA)

Credit: ig_cantonticino

Siamo a Viggiù, in provincia di Varese, si parte da qui per questa passeggiata lungo una parte della linea Cadorna, sul monte Pravello (1015mt).

Il percorso che è aiutato da indicazioni didattiche, permette di scoprire le fortificazioni di Monte Orsa oltre che ovviamente scorci mozzafiato sul lago di Lugano, sulle Alpi Svizzere, le Colline della Brianza fino ai monti dell’Ossola. Dislivello: mt 400 – Tempo di percorrenza: h. 4.00

# Museo della Guerra Bianca – Temù (BS)

Credit: @suar.di

Il museo è aperto al pubblico dal Luglio 2011, sono esposti centinaia di oggetti legati alla Guerra Bianca, recuperati sui luoghi della guerra e accompagnati da rappresentazioni con testi ed immagini storiche.

ll visitatore del museo è invitato a comprendere gli elementi più caratteristici della Guerra vissuta e combattuta in alta quota: “il muoversi e l’abitare, la sopravvivenza al clima, l’uso delle armi, dell’artiglieria, dei sistemi di trasporto e delle diverse attrezzature per la montagna, la vita di trincea in condizioni estreme, la sofferenza e, infine, la morte.”

Continua la lettura: 7 volte che MILANO è FINITA IN GINOCCHIO, ma si è sempre RIALZATA

MARTINA PICCIONI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Leggi anche: Chiudere i porti alla Cina non renderà l’economia italiana più forte

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.