La “GRANDE VELA”: alle PORTE di Milano c’è il BENZINAIO del FUTURO

Unico nel suo genere. Ma anche Napoli preme sull'acceleratore con il primo distributore riconvertito interamente all'elettrico

1
Credits techprincess.it - Stazione servizio Milano-Meda

Il futuro è arrivato nel settembre del 2021, quando ha inaugurato alle porte di Milano una stazione di servizio dove sembra di entrare nel futuro. Un hub dove trovare molte attività e piaceri, con un design innovativo e accattivante, unico nel suo genere. Ma anche Napoli preme sull’acceleratore con la prima stazione riconvertita interamente all’elettrico. 

La “GRANDE VELA”: alle PORTE di Milano c’è il BENZINAIO del FUTURO

# Sulla Milano – Meda l’energia del futuro in un distributore dal design innovativo

Flasghip Q8 Paderno Dugnano

Archiviato da decenni il concetto di “benzinaio”, la stazione di servizio è uno dei luoghi che più di tutti ha saputo reinventarsi nel tempo. Nella galassia sterminata dei punti di rifornimento carburante, è nata in piena Città Metropolitana, a Paderno Dugnano, un vero e proprio hub in grado di accontentare qualsiasi utente che si trovi a viaggiare sulla Milano-Meda.
Il distributore Q8 di Paderno si presenta infatti con un look innovativo e una molteplicità di servizi da fare invidia alle capitali internazionali.

# Sei postazioni di ricarica elettrica di cui due ultrafast

Stazione di Servizio Paderno Dugnano

La transizione del futuro è alle porte di Milano. L’area di servizio si sviluppa su 8.000 mq e sul piazzale sono presenti, oltre al rifornimento per mezzi a motorizzazione tradizionale, anche 6 postazioni di ricarica elettrica di cui 2 ultrafast, nonché metano e gpl.

La stazione di servizio è già improntata alla interconnessione digitale con gli utenti, tutto il progetto nasce all’insegna della sostenibilità: l’illuminazione è a led con sensori di movimento e c’è ampio uso di materiali rigenerati.

L’efficientamento energetico è di dimensioni notevoli: è previsto il recupero delle acque piovane e il futuro compressore del metano sarà a zero emissioni. Il fabbricato, anche quello commerciale, filtra la luce solare e offre termoregolazione a zone. Tutte le pensiline sono invece realizzate con materiali ad elevata riflettenza solare, che finisce per essere convogliata sugli impianti fotovoltaici posti sulle superfici di ognuna.

# Il restyling a vela che richiama le imbarcazioni tipiche del Kuwait

flagship Q8 Credits: q8.it.

Un restyling dedicato a tradizione e innovazione, gioca un ruolo d’effetto e conferisce alla stazione un look scenografico. Il progetto richiama le vele della “Dhow”, imbarcazione tipica del Kuwait e simbolo stilizzato del brand della catena. Un albero maestro centrale, alto ben 25 metri, collega le due pensiline a forma di vela triangolare e riesce a coprire 2.000 mq dell’area. Una vela copre e quindi identifica, le pensiline di distribuzione dei carburanti tradizionali. Con un ideale transizione al futuro, la successiva “pensivela” copre gli erogatori dei prodotti alternativi.
Anche il fabbricato commerciale richiama le forme e i colori della tradizione mediorientale.

# Le prossime stazioni di questo tipo in arrivo

L’edificio che ospita i servizi commerciali è anch’esso realizzato all’insegna della sostenibilità: 1.200 mq a basso impatto ambientale, per ospitare utenti e clienti e soddisfare decine di esigenze. Con a disposizione oltre 60 stalli per la sosta delle auto, “Svolta” ospita soluzioni di Food&Beverage come il tradizionale bar, una catena di bakery e un noto brand di offerta di carne di qualità.

All’inaugurazione della stazione di servizio del futuro nell’autunno scorso erano presenti il Presidente di Kuwait Petroleum, Nawaf S. Al-Sabah, insieme al Vice Presidente esecutivo, Azzam Al Mutawa, a testimoniare l’importanza e il rispetto che il colosso petrolifero nutrono nei confronti dell’Italia e del mercato di area sud europea.

I pionieri dell’automotive elettrico, potranno trovare ricarica e ingannare il tempo in un gioiello di architettura e design, prima di arrivare a Milano con le batterie completamente cariche. 

Le prossime stazioni di questo tipo al nord sono in programma a Carate Brianza (MB), Erbusco (BS) e Padova.

 

# La collaborazione tra Enel X e le stazioni IP

Credits inside-x – Distributori con colonnine

La collaborazione tra Enel X e IP ha portato alla realizzazione di un’area con 4 colonnine per la ricarica in un distributore di Peschiera del Garda, in provincia di Verona, in uno in provincia di Zanica (Bergamo) e in un altro a Biandrate (Novara). In totale saranno 7 quelli coinvolti. In ciascuno dei siti è possibile ricaricare contemporaneamente fino a 4 auto. La gamma di servizi offerti è però limitata rispetto al distributore della catena Q8.

# A Napoli il primo distributore riconvertito alla ricarica elettrica

Unicogo distributore elettrico

Se ancora procede a rilento l’introduzione di colonnine per la ricarica elettrica nei classici distributori, all’inizio del mese di febbraio 2023 a Napoli è stato inaugurato il primo distributore riconvertito totalmente alla ricarica elettrica. Frutto della collaborazione tra il polo fieristico Mostra d’Oltremare e UnicoGo, divisione di eMobility di Unicoenergia, la struttura è dotata di due colonnine di design superfast della Starcharge, ognuna con due prese di ricarica e una potenza complessiva di 360 kW.

Fonti: Gazzetta.it e Q8.it

Continua la lettura: La SUPER STAZIONE d’INTERSCAMBIO: auto, treni, tram, bus e bici. Un’idea per Milano?

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


Articolo precedenteI 10 migliori MERCATI RIONALI da provare a Milano: cosa si trova e quando visitarli
Articolo successivoDOVE comprano CASA i MILIARDARI in ITALIA e nel MONDO
Fabio Marcomin
Giornalista pubblicista. Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia. Il mio background: informatica, marketing e comunicazione. Curioso delle nuove tecnologie dalle criptovalute all'AI. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.

1 COMMENTO

La sezione commenti è chiusa.