Il PONTE TIBETANO più LUNGO del MONDO è a un’ora da Milano

Inaugurato il ponte tibetano più lungo del mondo. Ma già si alzano le polemiche: non è vero, il più lungo ce lo abbiamo noi

Ponte di Dossena - @sun_ride_tour IG

Solo per cuori impavidi sarà percorribile il più lungo ponte tibetano al mondo di questo tipo. E’ stato inaugurato a maggio 2022. Ma subito si sono sollevate le polemiche: non è vero che è il più lungo. Ma procediamo con ordine. 

Il PONTE TIBETANO più LUNGO del MONDO è a un’ora da Milano

# Inaugurato il ponte dei record: passeggiare nel vuoto per mezzo chilometro

Ponte di Dossena – @sincopatica IG

14 maggio 2022. Ha aperto al pubblico una grandiosa opera ingegneristica: il ponte tibetano a pedata discontinua e senza tiranti laterali più lungo del mondo. Ai non deboli di cuore è consentito di percorrere oltre mezzo chilometro di ponte stando sospesi nel vuoto con un’altezza massima di 121 metri.

Per sicurezza è obbligatorio indossare una speciale imbragatura e assicurarsi ad uno dei 7 cavi che compongono la struttura portante del ponte tibetano. Uno dei due capi della struttura è al centro di Dossena, in Val Brembana, mentre l’altro è situato al cosiddetto Roccolo della Corna Bianca. Nel tragitto si passa sopra la vecchia cava di gesso mentre si possono ammirare le vette delle Prealpi e il gruppo delle Grigne, con la vetta delle Grigna che domina con i suoi 2410 metri.

# Una operazione che vede coinvolte istituzioni e cittadini

Ponte di Dossena – @sharelitalia IG

Con un contributo della Regione Lombardia e della Cassa Depositi e Prestiti l’opera mira a diventare un punto attrattivo e un grande strumento di rilancio per una zona che sta pagando duramente il periodo pandemico. La necessità di rilanciare il turismo che è anche una delle voci predominanti della Val Brembana ha convinto investitori e maestranze di completare quanto prima il ponte. A seguire ci saranno numerosi interventi volti a rimodernare le numerose strutture ricettive della zona. 

# Uno degli obiettivi primari è evitare lo spopolamento di queste zone

korsivobike IG – Dossena

Questa di Dossena è una grande sfida ma c’è molto ottimismo da parte degli addetti al settore e delle istituzioni che credono molto in questo ambizioso progetto che, come ulteriore punto a favore, servirà ad evitare uno spopolamento di queste zone cercando anzi di ripopolarle considerando anche una qualità della vita che si addice sempre più a una popolazione che lentamente sta spostando le proprie priorità verso una sempre maggiore attenzione verso ritmi più lenti, qualità dell’ambiente e una economia circolare sempre molto presente in queste vallate.

# Ma dalla Basilicata alzano la voce: il ponte più lungo del mondo è il nostro!

Castelsaraceno. Ph. @
thealeinadv IG

Appena inaugurato e già arrivano le proteste. Il ponte tibetano più lungo del mondo è il nostro! Questo dicono dalla Basilicata. In effetti il ponte tibetano di Castelsaraceno misura 586 metri, mentre quello di Dossena si ferma a 505. Ma dalla Val Brembana si sono affrettati a precisare che il ponte di Dossena risulta essere il più lungo del mondo fra quelli “a pedata discontinua e senza tiranti laterali”. E poi si tratta di un ponte più alto: 121 metri di altezza media contro gli 80 del concorrente della Basilicata. L’unico modo per provare dove si vive l’emozione maggiore è solo uno: percorrerli entrambi. 

Continua la lettura con: Il PONTE SOSPESO più ALTO d’Europa si trova a due ore da MILANO

ROBERTO BINAGHI

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


Articolo precedenteL’UOMO più SPORCO del MONDO: non si lava da 67 anni. Ma ha una SALUTE d’ACCIAIO
Articolo successivoL’auto più COSTOSA al MONDO ha origini milanesi
Nato a Milano il 25 agosto 1965. Sin da bambino frequento l’azienda di famiglia (allora una tipografia, ora azienda di comunicazione e stampa) dove entrerò ufficialmente a 17 anni. Diplomato Geometra all’Istituto Cattaneo a 27 anni e dopo aver abbandonato gli studi grafici a 17, mi iscrivo a Scienze Politiche ma lascio definitivamente 2 anni dopo per dedicare il mio tempo libero alla famiglia e allo sport. Sono padre di Matteo, 21 anni, e Luca, 19 anni. Sono stato accanito lettore di quotidiani e libri storico-politici, ho frequentato gruppi politici e di imprenditori senza mai tesserarmi, per anni ho seguito la situazione politica italiana collaborando anche con L’Indipendente allora diretto da Vittorio Feltri e Pialuisa Bianco (1992-1994). Per questioni di cuore ho iniziato a seguire il mondo del basket dilettantistico ricoprendo il ruolo di dirigente della società Ebro per oltre 10 anni e della Bocconi Basket FIP dal settembre 2019 (ruolo che ricoprirò anche per la prossima stagione). Nel corso degli anni ho contribuito allo sviluppo di alcune start-up e seguito alcuni progetti di mia ideazione che hanno come obiettivo la rivalutazione del patrimonio meneghino oltre che un chiaro interesse sociale.