I 5+1 luoghi PANORAMICI più belli della LOMBARDIA

Ecco quali sono i punti panoramici lombardi assolutamente da non perdere secondo "In Lombardia"

Credit: stagniweb.it

Ecco quali sono i punti panoramici lombardi assolutamente da non perdere secondo “In Lombardia”.

I 5+1 luoghi PANORAMICI più belli della LOMBARDIA

La Lombardia riserva non di rado delle inaspettate sorprese, anche perché è una regione dai mille volti. Borghi, sentieri, castelli, laghi e cascate sono solo alcuni dei luoghi bellissimi che ne fanno parte. Eppure tra tutte queste ambientazioni da favola ce ne sono alcune dalle quali si può godere di un panorama unico, ecco la classifica dei luoghi panoramici più imperdibili secondo In Lombardia, il sito ufficiale del turismo lombardo.


#1 Campanile di San Nicolò – Lecco: la seconda torre campanara più alta d’Italia

Credit: campaniledilecco.it

Il campanile di Lecco é, tra quelli non adiacenti alla chiesa, la seconda torre campanaria più alta d’Italia ed è sicuramente tra le più alte d’Europa. Per arrivare in cima si devono percorrere 380 scalini per un totale di 96 metri, ma una volta arrivati si ha una vista a 360° sulla città di Lecco, sul lago e sulle montagne che lo circondano.

#2 Sacro Monte – Varese: Patrimonio Unesco

Credit: in-lombardia.it

Il Sacro Monte di Varese è una bellezza certificata, considerato Patrimonio dell’Umanità UNESCO infatti lascia ogni visitatore a bocca aperta. E’ situato su una collina alle spalle della città, e per raggiungere il Piazzale Pogliaghi (il punto più alto) si può percorrere un altrettanto panoramico sentiero con ben quattordici cappelle.

#3 Funicolare di Brunate – Como: il “bruco” panoramico

Credit: stagniweb.it

La funicolare che collega Como a Brunate offre per tutto il viaggio una vista unica sul lago di Como che continua a cambiare prospettiva, ma il punto d’osservazione migliore è sicuramente l’arrivo.



Leggi anche: ll bruco di Brunate

#4 Torre Civica – Bergamo: il classico “Campanone”

Credit: Instagram @alleolmi

La Torre Civica, anche conosciuta come Campanone, è il filo rosso che unisce la Città Alta e quella Bassa. Dalla sua cima infatti si può osservare tutta la città, e dai suoi quasi 53 metri d’altezza anche la Bergamo Alta non sembra poi così tanto alta.

#5 Torrazzo – Cremona: la torre in muratura più alta d’Europa

Credit: clickfor_Lombardia

Il Torrazzo di Cremona è la torre in muratura più alta d’Europa con i suoi 112 metri e da questa altezza è uno dei punti panoramici più belli in Lombardia. Dalla cima si ha una vista su tutta la città e oltre, insomma il posto perfetto per qualche scatto da condividere.

#5+1 Osservatorio Giuseppe Piazzi – Ponte in Valtellina (Sondrio): una vista spaziale

Credit: osservatoriopiazzi

L’osservatorio Astronomico Giuseppe Piazzi si trova in località San Bernardo, nel Comune di Ponte in Valtellina, a 1238 mslm. Tutta la strumentazione contenuta è orgogliosamente Made in Italy e permette attività non solo scientifiche ma anche turistiche e scolastiche. Da qui è inutile dire che la vista è davvero… spaziale.

Qual è il tuo luogo panoramico lombardo preferito?

Fonte: In Lombardia

Leggi anche: SPAZIO, ultima frontiera: in arrivo le prime VACANZE tra le STELLE

ROSITA GIULIANO

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.