VILLA CLEA: la CARROZZERIA di MILANO trasformata in RESIDENZA per ARTISTI

Come è fatta, dove si trova e a chi si rivolge

0
bmb.livestudio IG - Villa Clea

Dove c’era una carrozzeria oggi c’è una casa per giovani artisti. Scopriamo come è stata trasformata.

VILLA CLEA: la CARROZZERIA di MILANO trasformata in RESIDENZA per ARTISTI

# Villa Clea, un ibrido tra residenza, alloggio e spazio espositivo

bmb.livestudio IG – Villa Clea

L’idea è venuta a Allina e Matteo Corbellini, due architetti milanesi di ritorno da esperienze all’estero che hanno scelto questa zona al confine tra il centro urbano e la prima campagna della Valle della Vettabbia, per dar vita a Villa Cilea. Un ibrido tra residenza, alloggio e spazio espositivo in una zona dove negli ultimi anni sono sorti altri spazi spazi d’arte come Hub/Art, Motelsalieri, Chezplinio e Viafarini.work. Il progetto è sostenuto da Comune di Milano e Fondazione Cariplo. 

# Prima era una carrozzeria

Carrozzeria prima della trasformazione

Un tempo questo spazio era una carrozzeria dotata di un grande forno. Ora invece si compone di loft, atelier e aree comuni tutti affacciati sullo stesso cortile condiviso con il resto del vicinato. Un giardino di erbe mediterranee ha preso il posto del forno, un altro giardino è invece sul tetto della struttura per “offrire a tutti i palazzi attorno un punto di vista migliore, prima vedevano solo il tetto di una carrozzeria”, spiegano i due fondatori. Nel complesso c’è anche la loro casa privata e due piccoli appartamenti disponibili per i progetti di residenza. Tutto ruota attorno all’argilla e a una particolare scelta di colori per pareti, tende, pavimenti, arredi.

# A chi si rivolge

ariskonstanto IG

Villa Clea è aperta a giovani artisti emergenti di volta in volta selezionati, alla comunità locale e a normali ospiti tradizionali con possibilità di affitto anche per brevi soggiorni. Le persone che decidono o sono selezionate per vivere qualche giorno in questa residenza devono essere disposte a condividere e soggiornare insieme. Proprio con questa particolarità Villa Clea vuole differenziare la sua proposta rispetto agli altri spazi espositivi a Milano.

# La prima mostra e la prima residenza

villaclea IG

Il debutto artistico e la prima residenza è di Andrea Smith, classe ’92 che vive e lavora New York, che mostra al pubblico “una parte della sua intimità nella casa, invitando i visitatori a passare tra l’infilata longitudinale delle stanze che, con le sue reliquie personali, rievocano l’infanzia.” Il successivo nome per il mese di novembre è quello del ballerino francese Sulian Rios. 

Fonte: Artribune

Indirizzo: Via Marco d’Agrate, 27

 

Continua la lettura con: BAR BRERA e ACCADEMIA di BRERA brindano alla loro nuova LIASON con un nuovo DRINK ARTISTICO

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


I Libri di Milano Città Stato a casa tua: scopri come fare
Articolo precedenteLa STRADA SOMMERSA dall’OCEANO: può essere PERCORSA solo POCHE ORE al GIORNO
Articolo successivoFASHION FOOD: i CIBI più TRENDY a MILANO
Fabio Marcomin
Giornalista pubblicista. Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia. Il mio background: informatica, marketing e comunicazione. Curioso delle nuove tecnologie dalle criptovalute all'AI. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.